Allagamenti in via Gonzaga. Salvo Latino: “Senza i lavori i danni sarebbero...

Allagamenti in via Gonzaga. Salvo Latino: “Senza i lavori i danni sarebbero stati maggiori”

1511
0
SHARE

La forte pioggia abbattutasi nella zona ha provocato danni in diverse città. A Rosolini i problemi maggiori si sono registrati in via Gonzaga e in via Maddalena, diventati dei veri e propri fiumi in piena, con alcune abitazioni che sono state allagate dall’acqua. Un episodio avvenuto in una zona critica, già in passato al centro di allagamenti, ma quest’anno sembrava che la situazione potesse migliorare dopo i lavori di mitigazione del rischio idrogeologico di oltre 700 mila euro che hanno interessato via Gonzaga fino alla piazza “Padre Pio”.
Ieri mattina si è svolto un sopralluogo da parte dei tecnici interessati per trovare soluzioni al problema e capire cosa migliorare per aumentare la capacità di smaltimento delle acque. Presenti al sopralluogo l’assessore ai lavori pubblici Salvo Latino, il responsabile comunale Corrado Mingo, la commissione consiliare lavori pubblici con Adriano Giannì e Vincenzo Vigna, il titolare dell’impresa “Giambrone” di Agrigento che ha eseguito i lavori di mitigazione del rischio idrogeologico, ed il responsabile dell’area di protezione civile Giuseppe Vindigni.
“Voglio puntualizzare che i lavori che sono stati eseguiti in via Gonzaga -ha detto Corrado Mingo-, riguardavano l’eliminazione del problema della voragine in piazza Padre Pio. Infatti i lavori hanno riguardato la separazione delle acque bianche dalle acque nere che prima si convogliavano nello stesso collettore e che hanno creato la voragine apertasi in piazza Padre Pio. Con i lavori eseguiti in via Gonzaga non solo è avvenuta la separazione in due diversi collettori, ma sono state create nuove caditoie soprattutto a valle. Purtroppo il problema oggi è a monte, da via Rimembranza a via Alighieri, dove arriva l’afflusso delle acque. E con l’evento eccezionale che si è registrato in questi due giorni, la troppa pioggia abbattutasi con forza in poche ore ha creato l’emergenza. In ogni caso abbiamo già le soluzioni per evitare che si allaghino le abitazioni, una soluzione che però non sarà risolutiva al 100% se non si risolvono, come detto, i problemi a monte”.
Una soluzione che prevede “l’aumento del numero delle caditoie in via Gonzaga -ha detto Salvo Latino-, per cercare di attenuare il flusso d’acqua, un lavoro che la ditta “Giambrone” si è impegnata a fare senza gravare ulteriormente sui capitolati. Sta di fatto che se non fossero stati eseguiti i lavori del rischio idrogeologico molto probabilmente staremo qui a contare danni maggiori. La rete di smaltimento delle acque ha comunque funzionato, e questo lo si può evincere dal fatto che già dopo 2 minuti dalla fine dell’emergenza le strade erano completamente libere. Purtroppo l’evento eccezionale ha creato i disagi che abbiamo visto e su questo dobbiamo adesso dare risposte e soluzioni ai cittadini”.
Gli allagamenti in via Gonzaga e via Maddalena diventano anche un caso politico. Pippo Incatasciato di “Piazza Civica” non si spiega “come possa essere successa una cosa simile dopo che sono stati spesi migliaia di euro per dei lavori che hanno tenuto bloccati per parecchi mesi le attività di via Gonzaga. Se ci sono dei correttivi da fare si adottino al più presto sta di fatto che l’amministrazione avrebbe dovuto vigilare da subito sui lavori. Non sono un tecnico ma a quanto pare questi lavori poco hanno influito per eliminare il problema nella zona”.

Nessun commento

Lascia un commento