“Bonificate i terreni o lo facciamo noi a vostre spese”: Il Comune...

“Bonificate i terreni o lo facciamo noi a vostre spese”: Il Comune diffida i proprietari di terreni agricoli incolti

3090
0
SHARE
foto archivio

Il Comune di Rosolini invia le “diffide” ai proprietari dei terreni che non eseguiranno la pulizia “entro 5 giorni”. L’ordinanza è del sindaco Corrado Calvo che intende in questo modo prevenire il rischio incendi nel periodo estivo. Trascoro il termine dei 5 giorni il comune procederà d’ufficio a pulire i terreni con l’addebbito delle spese più una sanzione amminsitrativa.

Di seguito il Comunicato stampa del Comune sulla problematica

Prevenzione incendi, pulizia siti edificabili e delle aree incolte: diffida del Comune ai proprietari per interventi di bonifica.

Con Ordinanza n. 16 del maggio u.s., il Sindaco Corrado ha disposto che tutti i proprietari di aree  agricole non coltivate, di aree  verdi urbane incolte,  i responsabili di cantieri edili e stradali, gli amministratori degli stabili con annesse aree pertinenziali,  i proprietari aree  recanti depositi temporanei e permanenti all’aperto e di aree in genere inedificate,  ricadenti in tutto il territorio comunale, provvedano con urgenza e alla relativa bonifica. L’ordinanza si è resa necessaria poiché terreni incolti, recintati e non, siti all’interno e all’esterno del centro  urbano, con presenza di erbacce e arbusti sono divenuti nel  contempo ricettacolo di materiali di risulta, rifiuti vari, erbe incolte e dimora stabile di ratti, serpi, insetti  e quant’altro, creando non solo problemi di igiene e disagi per le abitazioni circostanti ma rischio di incendio in modo particolare con l’approssimarsi della stagione estiva. Gli  interventi di manutenzione e pulizia  dovranno essere eseguiti con assoluta tempestività da parte dei soggetti interessati e per questo  il  primo cittadino ha  dato disposizione al Responsabile del Settore Ecologia ed Ambiente – Protezione Civile di inviare ai proprietari una diffida attraverso la quale si impone l’intervento di bonifica entro cinque giorni dalla notifica del provvedimento. Trascorso infruttuosamente il predetto termine, il Comune procederà d’ufficio con l’addebito delle spese sostenute, oltre alla sanzione amministrativa prevista per Legge.

Nessun commento

Lascia un commento