Finanziamento di 187 mila euro anche per l’Istituto Comprensivo “S. Alessandra”

Finanziamento di 187 mila euro anche per l’Istituto Comprensivo “S. Alessandra”

785
0
SHARE

Dopo il finanziamento di 281 mila euro per i lavori di manutenzione straordinaria per il ripristino dell’impermeabilizzazione della copertura al fine di eliminare il grave inconveniente delle infiltrazioni d’acqua

all’Istituto scolastico “E. De Cillis”, sono stati stanziati 187 mila euro dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l’esecuzione dei lavori di messa in sicurezza, prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali, dell’edificio scolastico dell’Istituto Comprensivo “S. Alessandra”, lavori che riguarderanno gli edifici A1, A2 ed A3 ed in particolare il rifacimento dei servizi igienici in uso agli alunni, al piano terra e primo e la sostituzione degli infissi interni ed esterni di detti servizi.

A comunicarlo il sindaco Corrado Calvo, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Provveditorato Interregionale alle OO.PP. per la Sicilia e la Calabria che ha inserito detti lavori nell’ambito del “Secondo stralcio del programma straordinario degli interventi urgenti sul patrimonio scolastico”.

“È un traguardo molto importante per la nostra città che premia lo sforzo di questa amministrazione comunale volto a rendere più belle, sicure e confortevoli le nostre scuole -ha dichiarato il sindaco Calvo-. Permettere ai nostri alunni di studiare in strutture idonee alle loro necessità è uno dei nostri obiettivi prioritari. Il nostro continua senza sosta in tutti gli ambiti di interesse dell’amministrazione comunale. Infatti, attraverso un’attenta programmazione, frutto di un lavoro silenzioso svolto in sinergia con gli assessori e i funzionari comunali, che ringrazio, abbiamo predisposto e presentato richieste di finanziamento per circa 50.000.000,00 di euro, ed in ragione di ciò, seguiremo ogni linea di finanziamento regionale, ministeriale o europea per consentire all’Ente di avere a disposizione risorse economiche che da un lato, contribuiscono a realizzare opere importanti per la collettività e dall’altro, muovono un’economia in sofferenza per la grave crisi che sta mietendo grande parte dell’Europa ed in particolare di questo angolo di terra.”

Nessun commento

Lascia un commento