Francesco Cafiso testimonial del sud est siciliano alla 49° edizione del Vinitaly

Francesco Cafiso testimonial del sud est siciliano alla 49° edizione del Vinitaly

Alla manifestazione veronese saranno presente sette aziende vitivinicole del nostro territorio

793
0
SHARE
Il team che partirà per il Vinitaly di Verona

Si arricchisce di un nuovo slancio il progetto dei comuni di Pachino e Noto e della Strada del Vino e dei Sapori del Val di Noto: sarà infatti il giovane jazzista prodigio Francesco Cafiso l’ambasciatore del patrimonio enogastronomico del sud est siciliano alla 49° edizione del “Vinitaly” che si terrà a Verona dal 22 al 25 marzo 2015.
Il ventiseienne, originario di Vittoria, sarà presente il 23 marzo alle 12 nello stand 120 del padiglione Sicilia per sugellare un progetto di promozione del sud est attraverso una serie di eventi legati alla musica e all’enogastronomia d’eccellenza che si terranno durante la stagione estiva. Durante la giornata Francesco Cafiso incontrerà i giornalisti e i fan, a cui riserverà un’inedita dedica musicale ispirata al suo territorio d’origine.
Saranno sette le aziende del territorio che presenteranno le loro etichette durante il Vinitaly; prodotti d’eccellenza le varietà Moscato e Nero d’Avola, che si riconferma per il 2014 ambasciatore della Sicilia nel mondo con oltre 23 milioni di euro di fatturato attraverso i canali della GDO e più di sei milioni di litri commercializzati.
«La nostra presenza al Vinitaly – ha spiegato Roberto Bruno durante la conferenza di presentazione del protocollo d’intesa tra i comuni di Pachino e Noto – è soprattutto un riconoscimento alle tradizioni della nostra terra e all’importanza del settore enologico nella nostra economia. Dobbiamo sicuramente rivedere modi e tempi di presentarci sul mercato globale, ma una cosa è certa: il mondo ci aspetta, ma se non faremo squadra ne saremo fagocitati».
Le sette aziende vitivinicole che presenteranno i loro prodotti migliori al Vinitaly saranno Feudo Rudinì, Feudo Ramaddini, Vini Arfò, Rio Favara, Cantine Gulino, Marchesi di San Giuliano e Vini Scirè.

Giovanna Alecci

Nessun commento

Lascia un commento