Giovanni Spadola dona un defibrillatore alla propria città. Il consigliere che si...

Giovanni Spadola dona un defibrillatore alla propria città. Il consigliere che si spende per Rosolini

1893
0
SHARE

All’interno della penultima serata della 7ª Sagra dell’Arancino, come già anticipatovi, è avvenuta la donazione di un defibrillatore alla città di Rosolini, che sarà posizionato presso la Piazza Garibaldi di fronte l’edificio del comando della Polizia Municipale. Il donatore, Giovanni Spadola con Il Centro Commerciale Spadola, neo consigliere comunale nonché giovane imprenditore, è l’esempio lampante che se si vuole, si fa, che le intenzioni buone vanno realizzate nei fatti e non nelle parole. Lui ama la sua città e lo dimostra giorno dopo giorno perché si spende in toto per il bene e la crescita di Rosolini. Nonostante tutti gli impegni sia in politica che nella sua attività commerciale, lui per Rosolini c’è, sempre. E’ stato lui a fornire il palco per l’intrattenimento musicale della Cena in Bianco lo scorso 12 agosto, lui sarà a fornirne un altro per il Concerto di Mr. Max, organizzato da Pizza Chef presso Piazza Grande il prossimo 18 agosto. Lui si è speso in prima persona per far sì che il 18 agosto fosse fatto il Concerto delle due bande gemellate, Rosolini con la Casmene e il Corpo Bandistico di Parma, al quale donerà una targa che consegnerà la sera del concerto al suo direttore Alberto Orlandi. Ed è stato lui ad aiutare Eventi Sicilia per l’organizzazione della Sagra. E torniamo proprio al momento della consegna del dono lo scorso 14 agosto. Con l’impeccabile presentazione di Salvo La Rosa, il momento della consegna è stato davvero emozionante per tutti i presenti, sia sul palco che tra il pubblico. A prendere per primo la parola proprio Giovanni Spadola: “da giovane imprenditore e da neo consigliere comunale, amo la mia città, la vivo tutti i giorni e tenerla in vita per me è una priorità, –dichiara Giovanni Spadola, da sempre unico consigliere che non percepisce il gettone di presenza e che opera per la propria città a titolo gratuito. – Donare un dispositivo salvavita che possa risultare un bene comune per tutti i cittadini rosolinesi, ma anche per chi decide di vivere la nostra Rosolini soprattutto, è un regalo che voglio fare al mio paese perché amo questa città e metto passione ed impegno quando faccio qualcosa per essa e per la sua crescita. In ogni paese è presente un defibrillatore pubblico che possa salvare la vita di chiunque, un mezzo semplice e piccolo, ma che possa risultare indispensabile in tanti casi, da qui la mia idea di donarlo alla città – continua ringraziando dal profondo del cuore tutti i presenti, i ragazzi di Eventi Sicilia ribadendo che anch’essi danno anima e corpo per la nostra Rosolini, e l’associazione Città Verde di cui è presidente Giorgio Zocco, per la cura della manutenzione e del decoro del Verde a Valle degli ultimi periodi. “Voglio vedere crescere e decollare la mia città perché la amo dal profondo del cuore. “Ed è un dono fatto dal proprio cuore per il cuore” – aggiunge la Dott.ssa Francesca Micieli che ha esposto alla cittadinanza le manovre mediche fondamentali per il corretto utilizzo del dispositivo. “Una persona la potete salvare voi. Io vi invito a fare questi corsi, a conoscere e sapere utilizzare un defibrillatore perché il primo soccorso tocca a noi” – conclude rivolgendosi ai cittadini. Tra gli altri interventi, quello di Anna Mermina in rappresentanza de Il Gatto e La Volpe, che ha donato il totem che custodirà il defibrillatore dalle intemperie e infine quello del Sindaco Corrado Calvo il quale si è congratulato con gli ideatori per il gesto di grande amore per la nostra città e di sensibilizzazione di un tema così fondamentale. “Contiamo di poterne ricollocarne un altro lungo l’asse del Corso perché riteniamo sia un qualcosa che serva alla comunità. Ringrazio Giovanni e il Centro Commerciale Spadola, la Dott.ssa Micieli e  il Gatto e La Volpe per la nobile iniziativa proposta” – conclude. Un’iniziativa dunque, che ha fatto sorridere e star bene.

Vania Scarso

 

 

Nessun commento

Lascia un commento