Gli 8 consiglieri dell’ex maggioranza: “O si avvia il piano di riequilibrio...

Gli 8 consiglieri dell’ex maggioranza: “O si avvia il piano di riequilibrio o non voteremo il bilancio”

688
0
SHARE

Riceviamo e pubblichiamo una lettera degli 8 consiglieri dell’ex maggioranza. Ecco il testo integrale:

“In vista delle imminenti elezioni Regionali, il gruppo degli otto composto dai consiglieri Arangio Francesco, Paternò Vincenzo,Vigna Vincenzo, Giummarra Salvatore, Licitra Carmelo, Giannì Adriano, Monaco Giovanni e Cavallo Rosario, intende chiarire la propria posizione alla comunità rosolinese ed agli elettori, al fine di evitare preventivamente possibili strumentalizzazioni e il diffondersi di infondate voci negli ambienti politici e non solo.

Il gruppo non sosterrà unitariamente alcun candidato alle prossime elezioni Regionali, ma ogni componente si impegnerà liberamente ed in autonomia secondo coscienza, seguendo le indicazioni del proprio elettorato.

Nello scorso marzo ha deciso di intraprendere e dare vita ad una nuova esperienza politica, autonoma dagli schemi esistenti, dal forte senso civico e aperto alla cittadinanza ed a quanti nella comunità di Rosolini avessero avuto il piacere e la voglia di spendere le proprie competenze e professionalità, al servizio dei propri concittadini e del bene comune.
Allo stesso modo, oggi, perché provenienti da storie, vissuti e percorsi differenti, riteniamo opportuno di non esprimere come gruppo il sostegno ad un determinato candidato, ma di impegnarci singolarmente in questa campagna elettorale per lo schieramento e il candidato che ognuno sentirà più vicino alle proprie idee, percorso e sensibilità.
La decisione di non indicare come Gruppo la preferenza verso l’uno o l’altro candidato, non va ad intaccare in alcun modo la compattezza e l’armonia creata al proprio interno nel corso di questi mesi.
E’ stata infatti una decisione maturata in modo consapevole e condivisa tra tutti, in un clima sereno e disteso.
Coerentemente con la scelta effettuata sei mesi fa in Comune, rispettosa dei nostri personali vissuti ma soprattutto dei nostri concittadini, cui ci siamo rivolti nel marzo scorso con una nuova proposta politica; un percorso che intende superare le dinamiche che negli ultimi anni hanno gestito la cosa pubblica a Rosolini, sempre plurale ed “aperto” a quanti vogliano contribuire per migliorare la comunità, capace di ascoltare e dialogare con la società civile, le associazioni di categoria, il volontariato, l’associazionismo, i partiti e movimenti politici.
Tutte queste anime della nostra comunità hanno, come noi componenti del gruppo degli otto, percorsi, animi e sensibilità differenti ed è in tale ottica che noi intendiamo continuare ad operare, nella condivisione delle scelte, rispettando i propri vissuti ed inclinazioni senza, che per spirito di gruppo si possa mortificare la propria linea.
Anche alla luce di queste considerazioni, riteniamo non esprimere come gruppo alcuna indicazione di voto per le elezioni regionali, per le quali ogni componente si impegnerà in campagna elettorale secondo coscienza.
Chiarita la posizione alle prossime elezioni regionali, a conferma dell’unità e della compattezza del gruppo, in vista dell’imminente approvazione del bilancio 2017, lo stesso annuncia la ferma decisione di non presentarsi in aula, se non verrà portata in Consiglio Comunale una proposta di delibera che dia avvio, come chiesto ormai da tempo, alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale. Strada che, a differenza dei conclamati e verbali proclami, rappresenta l’unica via concreta per procedere seriamente al risanamento dei conti dell’Ente.
Ora occorre agire, senza ulteriore indugio, con consapevolezza e serietà per risanare le casse comunali, da troppo tempo in situazioni a dir poco critiche.
Il Comune, è bene ricordarlo, non essendo più in grado di far fronte ai deficit di cassa, di pagare gli stipendi ai propri dipendenti e di onorare le spettanze dei propri fornitori, deve porre in essere, non essendo più procrastinabile, la predisposizione di un piano di riequilibrio, che possa mettere in sicurezza i futuri esercizi finanziari. Da questa partita dipendono le sorti dell’amministrazione, non solo di oggi, ma soprattutto future, che ci impone di gridare con forza, nella veste che ricopriamo, la predisposizione di tale piano, che sebbene più volte suggerito, non solo dai Consiglieri ma anche dal Responsabile dei Servizi Finanziari e dal Collegio dei Revisori, è sempre rimasta inevaso, attendendo ancora oggi tale atto in Consiglio Comunale.
Auspicando che l’amministrazione prenda finalmente atto della reale situazione e proponga in Consiglio tale misura, il Gruppo degli otto dichiara, sin da subito, che preliminarmente, nei termini previsti, emenderà la proposta di bilancio 2017, apportando tutti i correttivi necessari, affinché lo stesso sia strutturato in funzione della predisposizione del piano di riequilibrio ed a scanso di ogni equivoco, dichiara espressamente, che pur avendo presentato emendamenti al Bilancio, non presenzierà al Civico Consesso se non è sarà inserito, come punto all’ordine del giorno, la proposta di delibera dell’avvio della procedura di risanamento”.

Nessun commento

Lascia un commento