I Carabinieri: «Attenti alla “truffa dello specchietto”, non fatevi ingannare»

I Carabinieri: «Attenti alla “truffa dello specchietto”, non fatevi ingannare»

1170
0
SHARE

Si chiama “truffa dello specchietto”, ed è ormai la truffa più utilizzata sulle strade per spillare soldi agli automobilisti, inducendoli a pagare una piccola somma per riparare al danno causato all’auto del truffatore, anche se in realtà la rottura delle specchietto non è mai avvenuta. Si tratta di un trucco relativamente semplice che consiste nel far credere all’automobilista che la sua macchina abbia involontariamente urtato il retrovisore dell’auto di chi sta mettendo in atto la truffa. La vittima sentirà il rumore di un colpo secco molto forte sulla propria carrozzeria, di solito sulla fiancata, (provocato in realtà da una pallina, un bastone, un sasso, ecc…) avendo l’illusione di un urto. Subito dopo entrano in scena il clacson ed i lampeggianti di un auto che invita il malcapitato a fermarsi: da qui la vera e propria recita del truffatore che, dopo aver mostrato il proprio specchietto retrovisore rotto, facendo leva su esorbitanti aumenti del premio assicurativo in caso di mancato accordo, chiede solitamente dai 50 ai 200 euro per risolvere la faccenda senza mettere di mezzo assicurazione o forze dell’ordine, magari anche con l’aiuto di un complice pronto a testimoniare che è andata proprio così. A questo punto la vittima solitamente paga, convinto di aver effettivamente causato il danno.

I Carabinieri mettono in guardia contro questa nuova trovata, che intanto continua a mietere vittime soprattutto tra i turisti. Questa la tecnica utilizzata anche da B. R., netino classe 1990, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti tra cui si annoverano numerosi episodi analoghi. Approfittando del considerevole traffico che ha interessato le località balneari netine nelle ultime settimane, il giovane ha posto in essere la truffa ai danni di due turisti, convincendo entrambi di aver rotto lo specchietto della propria autovettura con una manovra azzardata ed “accontentandosi” di 50 euro per chiudere la vicenda. I due turisti, dopo aver pagato, hanno però realizzato che la dinamica di cui erano stati convinti era, in realtà, pura invenzione. In uno dei due episodi la vittima ha anche rinvenuto, nei pressi della propria autovettura, un piccolo sasso utilizzato per far rumore e simulare l’incidente. I Carabinieri, grazie alla quotidiana presenza sul territorio ed alla conoscenza delle dinamiche criminali dello stesso, sono ben presto risaliti all’autore dei reati deferendolo all’autorità giudiziaria. Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di scoprire ulteriori analoghi episodi di cui sia stato autore il giovane e che non siano ancora stati denunciati alle forze dell’ordine.

I Carabinieri invitano tutti a prestare sempre la massima attenzione ad episodi analoghi da cui ci si può difendere con piccoli accorgimenti, validi anche qualora in danno fosse stato effettivamente causato: mai lasciarsi convincere a pagare subito in contanti, e insistere per compilare la constatazione amichevole di incidente senza lasciarsi scoraggiare dal fatto che “è solo un piccolo danno”.
Agendo in questo modo chi vi è davanti, se è davvero un truffatore, sceglierà di desistere e di allontanarsi il più in fretta possibile. In questo caso, se potete, annotate la targa e segnalatela subito ai Carabinieri contattando il numero di emergenza 112.

Inoltre, consultando il sito www.carabinieri.it, nell’apposita sezione dedicata al cittadino, è possibile reperire tutta una serie di consigli per tutelarsi in situazioni simili.
Infine, in caso di dubbi, non esitate a contattare il numero di emergenza 112 per ricevere immediata assistenza ed i primi consigli del caso.

Nessun commento

Lascia un commento