Il Comune ha sottoscritto il “Patto locale per la lettura”

Il Comune ha sottoscritto il “Patto locale per la lettura”

597
0
SHARE

Sottoscritto anche dal Comune di Rosolini il “Patto locale per la lettura”. Si tratta di un progetto che vede coinvolti il Libero Consorzio Comunale di Siracusa, i Comuni del siracusano, il Sistema Bibliotecario Regionale, la Soprintendenza ai Beni Culturali, l’A.I.B., Nati per Leggere, l’Asp 8, la Federazione Italiana Medici Pediatri, l’Assostampa Siracusa, l’Ordine Regionale dei Giornalisti, l’Ufficio Scolastico Provinciale e le associazioni che operano nel settore. Secondo l’accordo, i sottoscrittori si impegnano a promuovere iniziative finalizzate ad elevare gli indici di lettura e renderla un’abitudine sociale diffusa. A comunicarlo il sindaco Corrado Calvo e l’assessore Giorgia Giallongo, che ha sottoscritto il Patto alla presenza del Commissario Straordinario Antonino Lutri.

“Il Patto locale per la lettura – afferma l’assessore Giallongo – coinvolge istituzioni, imprese private, associazioni culturali e di volontariato, biblioteche, fondazioni bancarie, case editrici, librerie, scuole ed università. QUesto patto rientra nel “Progetto in vitro” istituito dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, finanziato dalla società Arcus, che mira alla diffusione della pratica della lettura. La lettura è una risorsa su cui investire per la crescita dell’individuo e della società, nella convinzione che sa uno strumento straordinario per l’innovazione e lo sviluppo economico e sociale del Paese. Condividere il Patto locale per la lettura con gli Enti locali, le Associazioni e tutti i partner della filiera del libro significa creare una rete territoriale che sancisce un’alleanza tra le diverse professionalità che si occupano della crescita e dell’apprendimento del bambino, cosa che ci permetterà di raggiungere il maggior numero possibile di famiglie e coinvolgere tutti i soggetti che a livello locale possono offrire il loro contributo per la crescita culturale, sociale e civile dei propri concittadini”.

Nessun commento

Lascia un commento