Il senatore Morra (M5S) a Rosolini per il “No” al referendum: “La...

Il senatore Morra (M5S) a Rosolini per il “No” al referendum: “La Riforma? Una macchina bella con il motore truccato”

1136
0
SHARE
Maria Marzana e Nicola Morra

Il senatore Nicola Morra a Rosolini per spiegare le ragioni del “No” al referendum sulla riforma costituzionale che vedrà gli italiani al voto il prossimo 4 dicembre. Un incontro che si è svolto venerdì pomeriggio al cine teatro di Santa Caterina, voluto dalla parlamentare Maria Marzana al quale avrebbe dovuto prendere parte anche il deputato regionale Giancarlo Cancelleri, assente per motivi istituzionali.

morra-con-meetup

“E’ un referendum che sottrae sovranità ai cittadini –ha detto Morra-, orienta la nostra repubblica verso una forma “presidenziale” che i nostri costituenti non volevo dare. I problemi reali del Paese sono altri e il referendum è stato un diversivo per spostare l’attenzione su altro. Oggi dovremmo investire tanto su istruzione e cultura, soprattutto al Sud. Chi studia più è costretto ad emigrare se non accetta di demanzionare le proprie professionalità. Questo è uno dei motivi per votare No il 4 dicembre perché si fa capire a Matteo Renzi che oggi la cittadinanza ha preso consapevolezza che il potere può essere sconfitto. La riforma costituzionale, per come ci è stata imposta, è un clamoroso tentativo di dividere gli italiani. E oggi il popolo non ha bisogno di ulteriori lacerazioni. Alcuni punti sono condivisibili –conclude Morra-. Chi non è per il taglio dei parlamentari o l’abolizione del Cnel. Il problema è che hanno confezionato in maniera raffinata un quesito seducente ma è solo una macchina bella con il motore truccato. Dentro alla Riforma non ci sono i risparmi sbandierati da Renzi. Se veramente volevano la riduzione dei costi avrebbero votato la riduzione delle indennità proposte dal Movimento 5 Stelle che invece hanno insabbiato. Quando sentono “riduzione delle indennità” è come se sentissero una bestemmia”.

Durante l’incontro si è entrato nel merito della Riforma Costituzionale.

“Non c’è semplificazione all’iter legislativo ma si rende più confusionario –ha detto la Marzana-, non c’è una sostanziale riduzione dei costi, verrà tolta la possibilità ai cittadini di eleggere i propri rappresentanti, verrà abolita l’autonomia delle Regioni. Dobbiamo riprenderci il diritto di scegliere votando No a questa riforma che allontana il cittadino alla politica”.

Nessun commento

Lascia un commento