“Immobilismo” al consiglio, salta anche la seduta di aggiornamento. Spadola: “Così ci...

“Immobilismo” al consiglio, salta anche la seduta di aggiornamento. Spadola: “Così ci rimette la città”

1764
0
SHARE

Sarebbero bastati 8 consiglieri ieri sera per rendere valida la seduta del consiglio comunale, ma in aula si sono presentati solo 6 consiglieri. 7 se si considera la presenza tra il pubblico della consigliera Concetta Calvo. All’ordine del giorno alcuni punti propedeutici al bilancio di previsione che rimane così in stand by. La presidente Concetta Iemmolo ha atteso qualche minuto prima di fare l’appello e sciogliere il consiglio comunale. Anche giorno 6 il consiglio era stato aggiornato per mancanza del numero legale e aggiornato ad ieri sera.

Giovanni Spadola

Il consigliere Giovanni Spadola attacca i “colleghi” consiglieri che si sono assentati. “Non è giusto che per giochi politici -ha detto-, debba rimetterci una città intera. Visto che sono maggioranza portino il bilancio in aula e lo approvino con tutte le modifiche che vogliono apportare. Si prendano tutto il merito, ma non possiamo continuare a rimanere fermi. Con il bilancio si sbloccherebbero i fondi per i lavoratori di utilità collettiva e altre voci attese dalla città. Nel caso in cui invece sono intenzionati a bocciare il bilancio lo dicano apertamente ed io lo boccerò assieme a loro, a patto che ognuno di loro si impegni ad organizzare un evento di rilievo in questa estate per smuovere l’economia della città così come abbiamo fatto noi per San Giuseppe con la sfilata dei carretti siciliani e ultimamente con il festival del Cavallo, due eventi organizzati con fondi privati. In estate stiamo già organizzando la sagra dell’Arancino con ben 5 giorni di festa e ospiti di spicco e lo stiamo facendo con il cuore. Tutti sanno che sono l’unico ad aver rifiutato il gettone di presenza come consigliere comunale ed il mio impegno in politica e solo frutto dell’amore per la città. E oggi la situazione è drammatica: continuare in questa maniera non fa che portare maggiori ricadute negative ad un città agonizzante”.

 

Nessun commento

Lascia un commento