Luci accese di giorno in contrada Commaldo. Chi paga il conto?

Luci accese di giorno in contrada Commaldo. Chi paga il conto?

795
0
SHARE

Continuano le segnalazioni da parte dei residenti della SP66 in contrada Commaldo. Oltre al degrado in cui riversa la zona, tra alberi, erbacce e rovi di tutte le dimensioni, un altro fattore contribuisce all’abbandono di tutta la strada. Ovvero, l’illuminazione accesa tutto il giorno. Come mai nonostante le numerose segnalazioni e i numerosi solleciti da parte degli abitanti del posto, nessuno si interessi a far nulla? Il tutto è verificabile sul posto, sotto agli occhi di tutti e gli organi di competenza continuano a far orecchie da mercante, anche davanti alle testimonianze dirette – le immagini lo dimostrano – . Perché gli abitanti debbano essere costretti a staccare e riaccendere ripetutamente il contatore per una semplice fotocellula di pochi euro? E ancor di più, chi pagherà il conto dell’illuminazione perenne? Siamo tutti stanchi di porci domande retoriche, e di aspettare che qualcuno continui a non far nulla. Di fronte alla negligenza “cronica”, ad un certo punto i cittadini esigono risposte dall’Amministrazione, perché il conto, che non sia solo quello delle bollette, ad un certo punto diventerà caro e non saranno di certo i residenti a pagarlo. C’è una cosa che si costruisce pian piano, con l’operato, il rispetto e le promesse mantenute, nel vocabolario si trova alla voce: reputazione. Bene, se la si vuole mantenere, è necessario che qualcuno intervenga.

Vania Scarso

Nessun commento

Lascia un commento