Attività amministrativa, Calvo: “lavoriamo incessantemente per la nostra città, e rimandiamo al...

Attività amministrativa, Calvo: “lavoriamo incessantemente per la nostra città, e rimandiamo al mittente tutte le polemiche”

770
0
SHARE

Il sindaco Calvo, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta stamattina 12 febbraio nella sala Giunta del Palazzo di Città, ha risposto alla deputata nazionale Maria Marzana sulla questione dei riscaldamenti negli istituti comprensivi di Rosolini e sul debito da saldare con Eni, causa del ritardo nell’allaccio del gas per le caldaie. «La nostra deputata nazionale, anzichè informarsi con l’amministrazione sulla questione del debito e dei riscaldamenti – ha dichiarato il sindaco – ha preferito strumentalizzare la questione e attaccare senza cognizione di causa l’operato di chi governa la città. La Marzana è una maestrina eletta deputato, ed evidentemente non conosce il funzionamento della macchina amministrativa. I soldi per pagare i debiti con l’Eni sono stati impegnati, ma a causa della crisi di liquidità che i Comuni stanno attraversando, provocata dai mancati trasferimenti da parte del governo nazionale e regionale, non possiamo pagare. Nonostante questo, i dirigenti di Italgas hanno già effettuato un sopralluogo ed entro febbraio ci saranno novità per quanto riguarda i riscaldamenti». Il sindaco Calvo ha inoltre invitato la deputata Marzana ad un confronto pubblico, sottolineando come «un deputato che voglia veramente impegnarsi per il bene della propria città agisce in maniera diversa, chiamando il sindaco ed informandosi delle criticità, confrontandosi ogni volta con l’amministrazione. Ma la Marzana evita questo confronto e ignora tutti i procedimenti burocratici che stanno dietro alla realizzazione di qualunque cosa. Noi abbiamo realizzato tanto in pochissimo tempo, abbiamo assicurato l’asilo nido per i prossimi tre anni che partirà non appena verrà fatta l’assegnazione definitiva alla ditta, abbiamo portato avanti i PAC per gli over 65, abbiamo dato un lavoro ai primi 15 nuclei familiari con problemi economici facendo ripartire i LUC, stiamo cercando di aiutare le famiglie che non possono permettersi di comprare i farmaci necessari e ci stiamo muovendo per gli assegni di maternità per le mamme casalinghe. Abbiamo fatto tanto e tanto faremo ancora, impegnandoci al massimo delle nostre possibilità».

In occasione della conferenza stampa il sindaco Calvo ha anche fatto un resoconto della missione a Roma dei giorni scorsi col vicesindaco Salvo Latino, durante il quale i due rappresentanti hanno avuto modo di parlare, tra gli altri, con i funzionari del Ministero dell’Interno, per il problema del palazzetto “Io gioco legale” danneggiato dalla tromba d’aria di fine luglio. «Io e il vicesindaco – ha spiegato Calvo – abbiamo avuto modo di parlare anche con i responsabili della Protezione civile nazionale per fare inserire il nostro Comune tra quelli colpiti dalle calamità naturali lo scorso anno, visto i danni alle strade, al cimitero comunale e al palazzetto». Il sindaco ha poi parlato della partecipazione all’assemblea a Vittoria con il sottosegretario Giuseppe Castiglione per sostenere gli imprenditori agricoli «che stanno attraversando un momento di crisi profonda. Qui, di fronte alle necessità di intere famiglie, non ci può essere politica, ci vogliono solo risposte efficaci ed immediate». Non tarda ad arrivare anche la risposta alla polemica sollevata da Pippo Incatasciato riguardo alla spesa per dotare di tende la stanza del sindaco, la sala Giunta e la stanza del Segretario generale, sottolineando come «le tende servono per dare il decoro che merita a stanze in cui vengono ricevuti personaggi importanti e cittadini. Ricordo inoltre che le tende non sono di proprietà del sindaco ma dell’intera cittadinanza, che è il proprietario del Palazzo di Città. Ribadisco ancora una volta che chiunque voglia avere contezza delle attività dell’amministrazione comunale può venire e chiedere direttamente. Noi andiamo avanti per la nostra strada, lavorando senza sosta per la nostra città, e saremmo felici di vederci riconosciuti i meriti dei risultati che raggiungiamo».

Giovanna Alecci

Nessun commento

Lascia un commento