Il sindaco Calvo risponde agli attivisti del Meetup del Movimento 5 stelle

Il sindaco Calvo risponde agli attivisti del Meetup del Movimento 5 stelle

581
0
SHARE

Pubblichiamo per intero la replica del Sindaco Corrado Calvo agli attivisti del Meetup del Movimento 5 stelle in merito alla nota stampa sulla mappatura e smaltimento dell’amianto sul territorio comunale

Leggo con stupore articoli di stampa attraverso il quale il movimento locale cinque stelle tenta di arrogarsi il merito di azioni amministrative frutto di un impegno costante profuso dall’Amministrazione comunale di Rosolini da sempre attenta ai problemi ambientali.

Un percorso di sensibilizzazione civica che nasce dal mese di giugno del 2008 fino alla data odierna, attraverso il progetto denominato “Tolleranza Zero” avviato dalla Provincia Regionale di Siracusa e sostenuto fortemente dal sottoscritto, all’epoca consigliere provinciale e Presidente dell’VIII commissione consiliare “Territorio ed Ambiente”. E proprio in virtù di quel progetto vennero bonificate innumerevoli aree del territorio provinciale adibite dai cittadini a vere e proprie discariche a cielo aperto e dove venivano accumulati enormi quantità di amianto. In quella particolare circostanza, su sollecitazione dello scrivente vennero collocate in zone sensibili del nostro territorio comunale alcune telecamere con relativo impianto fotovoltaico al fine di impedire il continuo formarsi di discariche abusive; del resto i cittadini possono ancora osservarle, sia in contrada Masicugno, sia in contrada Narbalata – Ucceri, etc., segno evidente e concreto di un impegno politico serio ed efficace.

Ma il percorso di sensibilizzazione dei cittadini sul tema del rispetto dell’ambiente, è continuato e continua ancora adesso, con più vigore, prova ne sia l’immediata attivazione, a seguito dell’insediamento della mia Amministrazione comunale nel 2013, del servizio di raccolta differenziata, la realizzazione dell’isola ecologica dove i cittadini possono conferire rifiuti, il controllo del territorio con opportuna pattuglia ecologica, il controllo in ordine al rispetto del calendario di raccolta dei rifiuti. Tutto ciò, perché amiamo la nostra città e la vogliamo tenere pulita perché possa essere sempre più bella, gradevole ed accogliente.

L’Amministrazione comunale, a seguito dell’entrata in vigore della legge n.10 del 29 aprile 2014 recante “Norme per la tutela della salute e del territorio dai rischi derivanti dall’amianto”, conformemente ai dettami di legge, ha provveduto ha deliberare l’istituzione del Piano Comunale Amianto”, attraverso il quale, verrà censita nel territorio comunale la presenza di amianto e, successivamente, a seguito dei contributi previsti per legge e da assegnarsi al Comune di Rosolini, poter procedere alla rimozione, trasporto, stoccaggio e conferimento all’impianto di trasformazione dei manufatti in amianto presenti nei siti, negli impianti, negli edifici e nei mezzi, pubblici e privati.

L’amministrazione comunale, ha già programmato per il giorno 28 novembre p.v. un incontro pubblico per portare a conoscenza dei cittadini le attività poste in essere dall’Amministrazione comunale e da porre in essere nei prossimi mesi, per finalizzare i contenuti della legge n.10 del 29 aprile 2014 e per iniziare il percorso di dialogo con la comunità volto alla più efficace collaborazione per meglio raggiungere gli obiettivi che costituiscono la legge n.10. In particolare:

  • La tutela della salute nei luoghi di vita e di lavoro dai rischi connessi con l’esposizione all’amianto mediante ogni mirata ed efficace azione di prevenzione;

  • La mappatura, la bonifica ed il recupero di tutti i siti, impianti, edifici e manufatti presenti nel territorio comunale in cui si è rilevata la presenza di amianto;

  • La promozione collettiva di iniziative, informative ed educative, volte alla riduzione del rischio sanitario da amianto per la popolazione;

  • la eliminazione di ogni fattore di rischio indotto dall’amianto in tutto il territorio comunale;

Appare, pertanto, strumentale e fuori luogo, il tentativo da parte degli attivisti del Movimento cinque stelle di arrogarsi il diritto di poter dichiarare che l’amministrazione comunale accoglierebbe una loro proposta di censire l’amianto e di smaltirlo correttamente. L’amministrazione comunale, come sempre, ha preso atto dell’entrata in vigore di una legge e in conseguenza di essa si adopera per porre in essere tutti i provvedimenti consequenziali di competenza dell’Ente Comune ed attivare le azioni amministrative per rispettarla e farla rispettare dai cittadini.

Il Sindaco dott. ing. Corrado Calvo

Nessun commento

Lascia un commento