“Il lavoro un dovere. Lo stipendio un optional?”. Dipendenti comunali in piazza contro i mancati stipendi

1612
- Pubblicità -

“Il lavoro un dovere. Lo stipendio un optional?”. E’ questo lo slogan con cui stamane i dipendenti comunali sono scesi in piazza per un sit-in contro la mancata risoluzione da parte dell’amministrazione comunale degli stipendi di Luglio e Agosto. Numerose sono le problematiche che si trascinano da tempo e che hanno spinto, oggi, gli stessi lavoratori a programmare lo stato di agitazione. I dipendenti, insieme ai sindacati – il Segretario generale della Cisl Funzione Pubblica Ragusa-Siracusa, Daniele Passanisi, il Segretario generale Ugl Siracusa, Antonio Gaglioto, il Segretario provinciale della Funzione Pubblica Cgil, Matteo Latina e il Segretario provinciale Uil federazione poteri locali, Alda Altamore – hanno dato voce al malessere apertamente palesato più volte.  Diverse sono state le rivendicazioni portate avanti dai lavoratori del Comune. Dal mancato pagamento degli stipendi di luglio e agosto, alla mancata erogazione degli emolumenti straordinari nonché dei premi di produttività dal 2015 al 2017. Oltre a tutti questi problemi rimane irrisolta anche la questione dell’aumento delle ore ai dipendenti part-time che rivendicano fortemente la loro dignità di lavoratori costretti a svolgere, per metà gratuitamente, la mole di lavoro assegnatagli. Presente alla manifestazione anche l’On. Maria Marzana, che ha raccolto le testimonianze e le lamentele dei dipendenti comunali, promettendo un confronto con il Sindaco per risolvere la situazione prima possibile. Il sit-in nasce anche come forma di protesta per le mancate promesse fatte dal Sindaco Calvo, che “invece di mantenerle e di attivare un piano di equilibrio per far rientrare il debito nei nostri confronti, assume un esperto esterno per risanare il settore Ecologia, prima declassato da lui stesso” – affermano i sindacalisti. “Non siamo disposti ad attendere ulteriormente e ad accettare il protrarsi di una situazione diventata insostenibile”. “La situazione precaria e delicata è un dato di fatto e coinvolge impiegati con famiglie a carico, comprensibilmente preoccupati per il proprio sostentamento. Sono sicuro che il Sindaco riuscirà a fronteggiare nei tempi e nei modi più opportuni tali problematiche” – aggiunge il Comandante dei Vigili Urbani. Una volta sceso in piazza il sindaco Corrado Calvo, ha assicurato che in settimana riuscirà a risanare la prima mensilità di luglio e ha dichiarato che suo primario interesse sarà quello di velocizzare i meccanismi necessari affinché il debito coi propri dipendenti venga inserito e risoluto all’interno del Piano di Riequilibrio.

Il Corriere Elorino si riserva maggiori approfondimenti sulla questione nella prossima uscita del numero cartaceo, il 21 settembre.

Vania Scarso

- Pubblicità -