Azzaro (M5S): “Frankenthal chiama… il piano di riequilibrio aspetta”

451
- Pubblicità -

Ci scrive la consigliera comunale del Movimento cinque stelle di Rosolini, Anna Azzaro, in riferimento alla drammatica situazione finanziaria del Comune di Rosolini chiamato a rielaborare il piano di riequilibrio finanziario in tempi brevi, ultima occasione per evitare il dissesto finanziario. Una lettera, quella della Azzaro, che punta il dito sulla partecipazione del Ragioniere Capo del Comune, Carmelo Lorefice, alla delegazione che partirà a Frankenthal “in un periodo in cui invece dovrebbe lavorare alacremente alla rielaborazione del piano di riequilibrio”.

- Pubblicità -

Ecco il testo integrale inviatoci dalla consigliera Azzaro: “Egregio Direttore, Le scrivo quale consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle del Comune di Rosolini, che già prima delle elezioni dello scorso 10 giugno, nel corso della campagna Elettorale, ebbe ad intervenire congiuntamente con il Meetup di Rosolini, su un tema spinoso riguardante la grave deficitarietà economica dell’Ente. I nostri interventi, nonostante fossero stati il cavallo di battaglia di tutta la campagna elettorale dei diversi candidati a Sindaco, compreso l’attuale, ad oggi non hanno avuto alcun riscontro. Infatti, a distanza di qualche mese nulla è cambiato. Il personale del Comune di Rosolini ha indetto diverse assemblee sull’argomento ed esercitato diverse pressioni sull’Amministrazione che, non potendo avere oggettive soluzioni, ha rinviato il tutto ad una verosimile rielaborazione del piano di riequilibrio cui il Consiglio Comunale ha aderito nel dicembre 2017 che, deve avvenire entro il prossimo 11 novembre 2018. L’imminenza di tale impegno risulta ulteriormente cogente in relazione alla necessità di approvare il bilancio preventivo del corrente esercizio entro la fine di novembre o i primi di dicembre. Quindi solo in seguito l’amministrazione potrà mettere mano all’auspicata rielaborazione. Soprassedendo sulla posizione della sottoscritta che può riassumersi nell’impossibilità, a mio giudizio, che si possa pervenire ad un effettivo riequilibrio finanziario del Comune di Rosolini che a mio modesto giudizio, risulta, di fatto in DISSESTO, pur volendo ammettere, per assurdo, che esista una qualche possibilità di “correggere” il piano già adottato dal Consiglio Comunale, appare ovvio che ciò comporti un impegno immane, concentrato in pochi giorni. Ebbene cosa apprendo dal sito istituzionale del Comune di Rosolini? Che con deliberazione di G.C. n.126 del 04/10/2018, è stato accolto l’invito del sindaco di Frankenthal a suggellare, a coronamento di reciproche visite, il prossimo 26 ottobre, un gemellaggio maturato nel corso del recente passato, definendo altresì la composizione della delegazione del nostro Ente, costituita dai vertici politico-amministrativi che dovrebbero alacremente lavorare sul piano di riequilibrio finanziario!. Potrei spendere parole di plauso sul mancato carico finanziario della “missione” sulle finanze comunali o sull’importanza di consolidare i rapporti con una città che ospita molti rosolinesi e via dicendo …. Tutte posizioni e vedute rispettabilissime. Esiste però un problema e che problema, di opportunità. E’ proprio il caso, in questo frangente di grave crisi economico-finanziaria dell’Ente, impegnare risorse umane eccellenti per un impegno di “rappresentanza”, ancorché di innegabile rilevanza socio-politica, rinviando ulteriormente e limitando a pochi giorni la rielaborazione del piano di riequlibrio finanziario pluriennale? Ma cosa altrettanto grave, come reagiscono talune opposizioni? Si preoccupano di lamentare la mancata inclusione dei propri rappresentanti nella delegazione, accusando l’amministrazione di voler monopolizzare la manifestazione! Nel frattempo i creditori dell’Ente, ivi inclusi di dipendenti comunali, attendono tempi migliori e quotidianamente, chiudono, pur consapevoli delle conseguenze devastanti, ma nel pieno delle proprie ragioni e non potendo ulteriormente sostenere le nostre esposizioni milionarie, i cancelli alle necessità di tutti i cittadini.
Con queste prerogative mi sento di augurare buon viaggio ai nostri emeriti rappresentanti auspicando che con temprato spirito germanico possano affrontare, al ritorno, le pene quotidiane del nostro dilaniato Comune. A taluni oppositori un ulteriore augurio, che nel prossimo futuro siate voi maggioranza e possiate recuperare l’occasione perduta. A noi tutti e ai cittadini non resta che meditare sulle cause di tale sfascio economico, imputabili a nessuno di specifico ma, a quanto pare, a tutti nella realtà”.

- Pubblicità -