Dopo 70 anni chiude l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Rosolini

1022
- Pubblicità -

Ultimo mese di vita per l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Rosolini. Dal 30 aprile la sede locale di via Maddalena, 4, infatti, chiuderà i battenti, nonostante tutti i sacrifici svolti dal presidente, Vincenzo Cucuzza, che in questi ultimi anni ha lanciato numerosi appelli alle istituzioni, a privati e a tutti i cittadini.

- Pubblicità -

I 27 soci che avevano già provveduto a versare la quota sociale 2018, si sposteranno fino alla fine dell’anno in un’altra associazione, previo versamento di un contributo.

“È con profondo rammarico che diamo questa comunicazione -dice Vincenzo Cucuzza-, anche perché dal momento in cui ne ho preso la direzione, assumendosi responsabilità, impegno, oneri, ho contribuito ad incrementare il numero dei soci, la varietà delle attività e la visibilità della stessa nel territorio. Purtroppo la sensibilità e la buona volontà di pochi, non sono bastate a tenere in piedi un’associazione, costituita ormai solo da simpatizzanti, in quanto non vi sono più reduci o combattenti in vita, che dovrebbe comunque celebrare, custodire la memoria, mantenere vivo l’amore per la Patria e l’identità nazionale. Così con la commemorazione del 25 Aprile 2018, dopo 70 anni, daremo il nostro addio all’ANCR di Rosolini esistente dal 1948”.

- Pubblicità -