I consigli a costo zero per ridurre il rischio sismico, domenica in piazza Garibaldi si parla di prevenzione sismica

356
L'assessore ai Lavori Pubblici, Carmelo Di Stefano
- Pubblicità a pagamento -

Anche l’Amministrazione Comunale aderisce alla prima “La Giornata Nazionale della Prevenzione Sismica”, che si terrà per l’intera giornata di Domenica 30 Settembre prossimo. A darne notizia il Sindaco Giuseppe Incatasciato e l’Assessore ai Lavori Pubblici Carmelo Di Stefano. L’iniziativa è stata promossa  dalla Fondazione Inarcassa, Consiglio Nazionale degli Ingegneri e Consiglio Nazionale degli Architetti con il supporto scientifico del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, Dipartimento della Protezione Civile, Conferenza dei Rettori Università Italiane e della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, per favorire una cultura della prevenzione sismica e un concreto miglioramento delle condizioni di sicurezza del patrimonio immobiliare del territorio Nazionale. L’iniziativa non si fermerà alla sola giornata di Domenica 30 ma a tutto il mese di Novembre “mese della prevenzione sismica”.

Pubblicità a Pagamento

“In Piazza Garibaldi -afferma l’assessore Di Stefano- come in altrettante 300 Piazze Italiane, sarà allestito un punto informativo con l’obiettivo di far conoscere alla collettività l’importanza della sicurezza sismica delle abitazioni e di divulgare il programma di “prevenzione attiva” che prevede visite tecniche informative, da parte di Architetti e Ingegneri, esperti in materia, senza alcun onere per i richiedenti, da svolgere nel successivo mese di Novembre. Verranno date informazioni sul rischio degli edifici, su cosa fare per ridurlo e su come farlo a costi quasi zero. Sarà inoltre l’occasione per presentare, promuovere e far conoscere le attività del programma “Diamoci una Scossa!” a cittadini, istituzioni ecc., sottolineando come tali attività siano dirette a fornire una prima valutazione sommaria dello stato di sicurezza delle abitazioni e le possibilità di interventi di mitigazione del rischio, finanziabili con l’incentivo statale Sisma Bonus. Si tratta -conclude Di Stefano- di un’agevolazione inserita nel testo della Legge di Bilancio 2017, che prevede la possibilità di usufruire di un’importante detrazione fiscale sugli interventi di adeguamento sismico delle abitazioni, prime e seconde case, edifici produttivi e parti comuni condominiali”.

- Pubblicità a pagamento -