Iemmolo: “Vergogna: neanche la morte è servita a far sistemare la segnaletica in via Santa Alessandra”

Iemmolo: “Vergogna: neanche la morte è servita a far sistemare la segnaletica in via Santa Alessandra”

Strisce pedonali fantasma e nessun cartello invita a moderare la velocità nel punto in cui sette mese fa ha perso la vita Giovanna Gerratana. Il nuovo assessore Luigi Fratantonio: “Ritardo imperdonabile. Agiremo subito così come in altre parti della città”

Sette mesi fa il tragico incidente stradale costato la vita alla signora Giovanna Gerratana, 79 anni, deceduta mentre stava attraversando le strisce pedonali in via Santa Alessandra, proprio davanti al mobilificio “Criscione & Iemmolo”. Con lei in quel tragico giorno il cognato, Giorgio Iemmolo, rimasto gravemente ferito nello stesso incidente ma che per fortuna, dopo una lunga ripresa, è riuscito a superare i problemi di salute.

[adrotate banner=”10″]

Proprio nei giorni dell’incidente era stato lo stesso Iemmolo a chiedere all’amministrazione di dedicare più attenzione a quel tratto di strada, posizionando magari delle bande rumorose o dei cartelli stradali per poter segnalare in maniera evidente, il transito pedonale.

[adrotate banner=”20″]

“Sono passati sette mesi ma nessuno si è fatto sentire –dice Iemmolo-. Sono veramente arrabbiato. Vergogna. Neanche una morte è riuscita a far muovere i nostri amministratori. Dopo sette mesi l’unica cosa ad essere cambiata è lo stato delle strisce pedonali che sono diventate quasi invisibili. Sono arrabbiato per quello che ho dovuto passare, per la perdita di una familiare, per gli appelli caduti nel vuoto, per quello che poteva accadere pure a me. Siamo cittadini onesti, paghiamo tutte le tasse regolarmente, e che tasse!!! Per via del mobilificio mi sembra di essere vittima di un furto ogni volta che arrivano le cartelle da pagare, ma nonostante questo abbiamo sempre onorato gli impegni con il Comune. Ora chiediamo un nostro diretto, quello di poter essere più sereni nell’attraversare la strada e tutti sembrano girarsi dall’altra parte. Vergogna, vergogna, vergogna”.

Abbiamo avvisato della problematica il nuovo assessore alla viabilità, nonché vice sindaco Luigi Fratantonio: “È davvero imperdonabile che si sia atteso tutto questo tempo per intervenire in quel posto teatro di una tragedia. Ho subito avvisato gli uffici preposti e in breve tempo rifaremo le strisce pedonali. Cercheremo anche soluzioni per il posizionare i cartelli stradali e le bande rumorose. È certo che interverremo anche in altre parti della città dove la cartellonistica orizzontale lascia a desiderare. Dal mio insediamento ho trovato una situazione difficile ma riusciremo a dare le giuste risposte alla città”.

CATEGORIE
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus ( )