Il sindaco risponde a Città Verde: “Non possiamo agevolare la mancanza di regole”

1129
- Pubblicità a pagamento -

Il sindaco Pippo Incatasciato interviene a seguito della conferenza stampa promossa ieri dal presidente di “Città Verde” Giorgio Zocco che, pensando di fare cosa gradita alla città, ha ripulito dalle erbacce e potato un albero di carrubo all’interno del recinto del plesso comunale di via Sipione. Un intervento che sarebbe stato messo in essere dall’associazione “Città Verde” senza nessuna autorizzazione anche se, a quanto pare, avrebbe avuto un “ok” verbale da parte di un funzionario comunale.

Ieri Zocco, assieme alla consigliera comunale Concetta Iemmolo, ha voluto denunciare pubblicamente quanto successo, affermando di aver rischiato la denuncia da parte dei vigili urbani per aver ripulito un luogo in questione.

Oggi il sindaco Pippo Incatasciato spiega il perchè l’amministrazione non può avallare il metodo utilizzato.

“Tralasciando i toni utilizzati in conferenza stampa -afferma Incatasciato-, Zocco sbaglia quando pensa che qualcuno ha voluto inviargli i vigili urbani per denunciarlo: è stato avvisato il comandante dei vigili urbani Orazio Agosta perchè al Comune riveste anche la qualifica di responsabile del settore “verde pubblico”. Ed è stato avvisato perchè non può passare l’idea che ognuno può fare quello che vuole senza avvertire chi di dovere. Come ci rimarrebbe Zocco se qualcuno entrasse a casa sua e iniziasse a potare gli alberi senza essere stato avvertito? Ma fatto più grave è che se ieri qualcuno dell’associazione si fosse fatto male, cadendo dall’albero di carrubo in cui erano saliti, il Comune sarebbe stato denunciato per mancata vigilanza. Quando Zocco vorrà rispettare le regole saremo i primi a congratularci con lui e con i membri dell’associazione. Fino ad allora non possiamo agevolare queste azioni in cui ognuno pensa di poter fare quello che vuole con il patrimonio di tutti”.

- Pubblicità -