Iniziamo l’anno con “dolcezza”: gli zuccheri

919
- Pubblicità -

Iniziamo “dolcemente” il 2017 parlando di zuccheri!

- Pubblicità -

Se consumati nel modo giusto e nelle giuste quantità, gli zuccheri sono fondamentali per compiere quasi tutte le funzioni del nostro corpo: attività delle cellule, movimento, funzioni cerebrali… Ma cosa intendiamo per zucchero? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.
Gli zuccheri si distinguono in due grandi categorie, ovvero zuccheri semplici e zuccheri complessi: gli zuccheri semplici sono quelli più facilmente assimilabili e immediati fornitori di energia, come ad esempio gli zuccheri della frutta e il miele; gli zuccheri complessi invece richiedono maggiore tempo per essere metabolizzati e, pur non avendo un sapore tipicamente dolce, sono comunque fornitori di energia, in questo caso a lungo termine. I più comuni sono pasta, pane e patate.

Nei tempi più antichi l’uomo appagava la voglia di dolce con preparati a base di frutta (fresca o essiccata) o miele. Col tempo l’industria alimentare ha introdotto sul mercato infinite varianti di sostanze dal sapore dolce, alcune veramente tossiche per l’organismo con particolare riferimento ai prodotti dietetici che contengono dolcificanti artificiali dannosi per la nostra salute (saccarina, aspartame, ciclammato E952, acesulfame K E950, xilitolo E967…). È buona norma verificare la presenza di queste sostanze leggendo le etichette.
In natura esistono sostanze con potere dolcificante a zero indice glicemico, ottimi sostituti dello zucchero bianco comune per dolcificare bevande e cibi.

La regina dei dolcificanti naturali è la Stevia, una pianta che ha un potere dolcificante cinquanta volte superiore a saccarosio e zucchero bianco ma non innalza la glicemia e per questo motivo è da consigliare in caso di diabete o di diete dimagranti.

chiara-sammito

A cura della dott.ssa Chiara Sammito,
biologa, nutrizionista e naturopata
www.centronutrilab.it
info@centronutrilab.it
Cell: 328.6076601

- Pubblicità -