L’Istituto Comprensivo “F. D’Amico” si apre all’Europa

924
- Pubblicità a pagamento -

Come ogni anno, l’Istituto Comprensivo “F.D’Amico” si affaccia all’Europa con grande spirito d’iniziativa, intraprendenza e aggregazione grazie agli interessanti e sempre nuovi progetti Erasmus a cui aderisce. E da quest’anno, lo fa anche con una novità: come coordinatore del progetto “Spring and respect will come back”. In questi giorni, peraltro, sono ospiti della scuola i professori dei Paesi europei Grecia, Polonia, Lettonia, Lituania e Romania e per l’occasione alcuni alunni hanno raccontato l’esperienza in corso tramite un articolo di giornale a noi indirizzato.

Pubblicità a Pagamento

Il testo.

Anche quest’anno il nostro Istituto ha aperto le porte all’Europa, grazie a due progetti Erasmus, uno di cui siamo partner, “Active, creative, enterprising” e un altro di cui siamo coordinatori dal titolo “Spring and respect will come back”.

Avere scoperto di essere coordinatori di un progetto Erasmus è per noi entusiasmante perché significa crescita da ogni punto di vista, soprattutto in termini di competenze, conoscenze, intraprendenza e arricchimento culturale.

Stamane, in particolare, abbiamo accolto con grande festa i professori dei Paesi europei partner: Grecia, Polonia, Lettonia, Lituania e Romania. Entusiasmo e voglia di fare abbiamo letto sui loro volti.

Ascoltare la canzone italiana più conosciuta al mondo, “Volare” di Domenico Modugno, cantata dai nostri compagni del coro “D’Amico in… canto” e vedere balletti siciliani eseguiti dal nostro gruppo di ballo, è stato per tutti davvero molto emozionante.

Subito dopo, i nostri professori, insieme alla delegazione Erasmus, hanno partecipato ad un meeting formativo per discutere sul progetto e per un confronto costruttivo e arricchente. Durante tale momento, alcuni di noi, in veste di “giornalisti di istituto”, abbiamo posto delle domande in lingua inglese ai professori sul progetto, abbiamo esposto le nostre riflessioni e preso consapevolezza dei tanti aspetti positivi che un progetto del genere sicuramente ha.

Un progetto, il nostro, che ha come parole d’ordine: rispetto, economia circolare, sviluppo sostenibile, green economy.

Tematiche prioritarie per la nostra scuola, tematiche per le quali serve un’urgente presa di consapevolezza per regalarci una seconda opportunità, un ultimo momento di speranza. La salvezza del genere umano, infatti, passa proprio da queste parole.

Gli alunni della scuola secondaria di primo grado, classe 3°A, Luigi Latino, Enzino Cataudella, Angela Gennaro, Carmelo Monte, Giada Trapani.

- Pubblicità a pagamento -