Lotta agli allacci idrici abusivi. Partono i primi controlli e le prime sanzioni

1641
- Pubblicità a pagamento -

L’inizio dei controlli a tappeto era stato notificato proprio il mese scorso dall’Assessore ai LL.PP Carmelo Di Stefano e proprio stamattina l’Amministrazione Comunale, congiuntamente alle Forze dell’Ordine, ha avviato i primi risoluti controlli sul territorio comunale contro gli allacci idrici abusivi.

Non è una spedizione punitiva– ha dichiarato l’Assessore – vogliamo solo salvaguardare i cittadini che pagano regolarmente le tasse e che non ricevono l’acqua , non per colpa del Comune ma di qualche concittadino che fa un uso smodato e irregolare dell’acqua comunale.”

Proprio l’Assessore ,stamattina, con l’ausilio delle Forze dell’Ordine e di alcuni tecnici comunali, ha sottoposto a controllo i terreni agricoli sottostanti la Strada Statale 115 per verificare quanti e quali proprietari si appropriano indebitamente di acqua attraverso impianti abusivi. Una zona “critica” ,quella della SS,come ha dichiarato lo stesso Assessore: “L’allaccio abusivo in questa zona provoca una diminuzione della pressione dell’acqua che confluisce in Contrada Vignale Dei Peri i cui i residenti lamentano sempre la carenza del servizio”.

Da questa prima tranche è emerso un allaccio abusivo in un terreno agricolo il cui responsabile è ancora in fase di accertamento. Gli allacci abusivi della zona infatti sono tutti destinati all’irrigazione agricola i cui tubi, collegati alla condotta comunale, hanno una portata maggiore rispetto alle abitazioni private;questo provoca un calo di pressione nella zona urbana. Una tecnica che certamente non stupisce e che risulta largamente diffusa in molte zone periferiche del territorio comunale.

L’Ufficio Tecnico sta verificando ,in queste ore, la proprietà del terreno “incriminato” e in seguito le Forze dell’Ordine applicheranno le dovute sanzioni. Un allaccio abusivo,quello rilevato questa mattina, che sembra confluire in altri terreni;  ancora da accertare quindi se si tratta di un unico proprietario o di più irregolari.

Solo il mese scorso l’Assessore ai LL.PP aveva notificato l’inizio del controlli con il preciso fine  di controllare la legittimità delle erogazioni idriche delle utenze private.

A coloro i quali risulteranno non in regola– aveva dichiarato-sarà offerta la possibilità, a fronte dell’effettuazione dei pagamenti e delle sanzioni dovuti, di regolarizzare la propria posizione; quanti non provvederanno a regolarizzarsi prima dei controlli,invece, saranno denunciati all’autorità giudiziaria nel rispetto delle leggi vigenti”.

Già identificate le altre zone periferiche su cui procederanno le verifiche al fine di salvaguardare tutti i cittadini che rispettano le norme ma che ,“per colpa di qualche furbetto”, non godono dei servizi.

- Pubblicità -