Nino Savarino nuovo Governatore della Misericordia

1146
- Pubblicità -

Si è appena chiusa l’assemblea ufficiale d’insediamento del neo eletto Magistrato della Confraternita della Misericordia di Rosolini. 

- Pubblicità -

Dopo le elezioni tenutesi lo scorso 11 marzo, si è attuato il rinnovo delle cariche statuarie. 

Nuovo Governatore è il confratello, l’ex sindaco, l’Avv. Nino Savarino, che torna a ricoprire questo ruolo dopo dieci anni. Savarino era già stato Governatore della Misericordia dal 1997 al 2008.

Ci siamo insediati il giorno dell’inizio della primavera – ha dichiarato il neo Governatore Nino Savarino – e questa è per noi una bella coincidenza che ci sollecita a guardare al futuro con maggiore slancio e con il desiderio di rinvigorire la nostra Confraternita, avendo sempre ben chiari i principi fondanti del nostro Sodalizio. In questo ci sarà di aiuto e sprone il nostro Correttore, don Bruno Carbone.

Ci aspetta un periodo di duro lavoro, ma siamo tutti determinati a spenderci senza risparmiarci, perché tante sono le sfide che ci attendono, a partire dalle nuove frontiere che si prospettano nel terzo settore, destinate ad incidere profondamente anche nella nostra Associazione.

Siamo fiduciosi nel nuovo cammino che stiamo intraprendendo, perché sentiamo forte la vicinanza di tantissimi volontari, ai quali rivolgo il mio personale grazie e quello dell’intero Magistrato per il lavoro svolto nel corso degli anni. A loro oggi chiedo maggiore vicinanza e impegno nello spirito del Buon Samaritano”.

Durante questi quattro anni di mandato, il Governatore annuncia che la Misericordia di Rosolini festeggerà anche i 25 anni di vita e in vista di questo traguardo, che verrà celebrato nel 2020, Magistrato e volontari si metteranno fin da subito in azione con appuntamenti, iniziative e percorsi formativi e motivazionali.

“È un cammino di preparazione – aggiunge-  che ci ricorda come la Confraternita è anch’essa in cammino permanente per la crescita cristiana di ogni singolo membro e, comunitariamente, di tutta l’Associazione. La Misericordia è Chiesa di frontiera che porta con se tutti i limiti propri dell’uomo: cadute, incomprensioni, contraddizioni, che pure potranno esserci, non ci devono scoraggiare – conclude. – Piuttosto, con l’aiuto della Madonna, Madre della Misericordia, dobbiamo rialzarci e tendere la mano al fratello, senza desiderio di rivalsa, ma con spirito di accoglienza e di reciproco perdono. Approfitto, infine, dell’occasione per augurare a tutti i nostri volontari una serena Pasqua di Resurrezione”.

Il nuovo Magistrato risulta oggi composto dai Confratelli: Giorgio Armenia, Gianfranco Bognandi, Ippolito Branca, Peppe Bruno, Corrado Iozia, Salvatore Magrì, Donato Matassa, Nino Savarino appunto, e Maria Grazia Scatà. Questa sera, una volta insediatosi, ha subito proceduto alla nomina delle cariche interne.

Vice Governatore è stato nominato il confratello Salvatore Magrì, che conserva anche la carica di Responsabile della Protezione Civile.

I confratelli Maria Grazia Scatà e Gianfranco Bognandi sono stati nominati, rispettivamente, Segretaria e Amministratore.

La consorella Maria Grazia Scatà è stata anche delegata a tenere i rapporti con i coordinamenti provinciale e regionale e con la Confederazione Nazionale.

Donato Matassa si interesserà in particolare della formazione spirituale dei confratelli e dei volontari.  

A breve si terranno le elezioni suppletive per il Collegio dei Revisori dei Conti e per l’integrazione dei due componenti mancanti nel Collegio dei Probiviri, dove sono state, nel frattempo, elette le consorelle Carmela Scatà(Presidente), Rosetta Sframeli (Vice Presidente) e Antonella Bognandi (Segretaria).

 

- Pubblicità -