Restauro Oratorio “S.Domenico Savio”: avviata stamattina la gara per l’appalto dei lavori

Restauro Oratorio “S.Domenico Savio”: avviata stamattina la gara per l’appalto dei lavori

Il restauro rientra all’interno di un finanziamento europeo, approvato e finanziato nella fattispecie dall’Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità, che assegna 800.000 euro per  i lavori di“Adeguamento e completamento dell’Oratorio S. Domenico Savio della Parrocchia SS Crocifisso da destinare ad area liturgica, sala congressi, e centro studi con annessi locali ricettivi, ristoro e accoglienza nel Comune di Rosolini”. 

Al via stamani la gara per l’aggiudicazione dell’appalto dei lavori di ristrutturazione dell’Oratorio” S.Domenico Savio”, che vedrà una massiccia partecipazione di imprese provenienti da tutta Italia: sono state 263 le Ditte che hanno partecipato al bando di gara presentando apposita domanda. 

[adrotate banner=”10″]

 

Chiaramente, considerato l’elevato numero di partecipazioni, l’iter di aggiudicazione sarà più o meno lungo del solito, in quanto l’Amministrazione Comunale di Rosolini a cui è stata affidata la gestione burocratica e formale del contributo, nello specifico il 5° Settore “Lavori Pubblici e Urbanistica”, dovrà valutare caratteristiche, categorie, requisiti e termini di legge per partecipare, di ben 263 imprese da tutto il territorio nazionale, tra cui anche ditte rosolinesi e diverse imprese locali.

[adrotate banner=”20″]

 

Il Settore preposto, ha nominato il Geometra Giuseppe Cavarra Responsabile Unico del Procedimento e l’Ing. Corrado Mingo, il Geom. Corrado Rubino e Geom. Giovanni Scifo quali componenti della Commissione di gara che, solo a conclusione della verifica del possesso dei requisiti, proseguirà con l’aggiudicazione definitiva dei lavori, e stipulerà con l’impresa aggiudicataria il relativo contratto d’appalto.

È la prima volta che a Rosolini una gara locale racchiuda un numero così elevato di partecipanti. Questo perché, si tratta di una “Procedura di gara ‘Aperta’ con il criterio di aggiudicazione del minor prezzo” per un importo complessivo di € 672.506,78 per lavori a base d’asta (comprensivo di € 26 .956,06 quali oneri di sicurezza non soggetti a ribasso), avviata mediante l’ausilio di sistemi informatici, utilizzando la piattaforma MEPA,  pubblicizzata dal Comune di Rosolini tramite la pubblicazione del bando sul Sito istituzionale dell’Ente, sul portale MEPA e nella Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia .

L’assessore all’Urbanistica Carmelo Di Stefano.

E l’aspetto interessante di questa gara, è quel sintomo di trasparenza e legittimità che emerge dalla tale procedura “aperta”. “Una modalità che può avere una doppia faccia – aveva sottolineato l’ex Assessore ai Lavori Pubblici Carmelo Di Stefano, colui che assieme alla squadra dell’Ufficio Tecnico, nel pieno rispetto del termine perentorio di 180 giorni, espletò con determina n.37  dello scorso aprile, l’avvio del bando di gara di appalto per la consegna del cantiere dei lavori -, da un lato garantire la massima trasparenza e legalità alla gara e dare a tutti la possibilità di attingere a fondi che sono europei e non comunali. Dall’altro, si rischia di far vincere un’impresa che viene da altri paesi e quindi non dare opportunità di crescita a quelle locali”. 

Anche in questa, come in tutte le altre cose, ci sono i pro i contro, ma un altro dato non va sottovalutato: chi vincerà la gara, anche se proveniente da un’altra regione, molto sicuramente si avvarrà di magazzini e attività locali per la fornitura dei materiali, magari anche di manodopera e maestranza rosolinese, di conseguenza, non verrà svantaggiata l’economia rosolinese ma la città ne trarrà un triplice guadagno: l’economia che continuerà a girare, il ritorno a vita nuova dell’Oratorio S.Domenico Savio, luogo di particolare interesse sociale e culturale e un importante segnale di limpidezza in una gara pubblica.

 

CATEGORIE
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus ( )