Rivoluzione nei settori comunali, scendono da 10 a 6. Savarino nuovo comandante dei Vigili

2685
In alto da sinistra: Orazio Candito, Vincenzo Modica, Carmelo Vindigni, Saro Savarino, Corrado Mingo e Salvatore Speranza.
- Pubblicità a pagamento -

Rivoluzione al Comune, scendono da 10 a 6 i responsabili di settore. E la maggior parte sono volti nuovi. Lo avevano annunciato stamattina e il primo atto del “cambiamento” è arrivato immediatamente. La giunta comunale, infatti, ha stilato il nuovo organigramma comunale modificando totalmente la pianta organica.

A dirigere il primo settore è stato chiamato il dipendente Orazio Candito. Si occuperà di Affari Generali, Commercio, Suap, Sport Turismo e Spettacolo, sviluppo economico e programmi complessi.

Ad occuparsi del 2° settore, invece, sarà il ragioniere Vincenzo Modica, già chiamato un mese fa in sostituzione del ragioniere Capo Carmelo Lorefice andato a ricoprire il ruolo di Dirigente del settore Finanziario del Comune di Pozzallo. Modica si occuperà di Servizi Finanziari, Servizi Demografici e statistiche e Risorse Umane.

Carmelo Vindigni, invece, è il nuovo responsabile del 3° settore. Ed è questa la “mossa” forse più importante. Vindigni, infatti, si occuperà del delicato settore dei “Tributi”, ma anche della Pubblica Istruzione e dei Servizi Sociali.

Rivoluzione anche nel 4° settore Polizia Municipale. Il nuovo comandate è il Ragioniere Rosario Savarino che lascia così il settore Risorse Umane. Oltre alla polizia Municipale, Savarino si occuperà di randagismo, Annona. Vice comandante sarà Orazio Agosta che fungerà anche da vice segretario del Comune.

Rimane “ancorato” ai lavori pubblici, urbanistica e catasto, invece, l’ingegnere Capo Corrado Mingo.

Per il sesto settore, invece, c’è un ritorno, quello di Salvatore Speranza. Si occuperà di Ecologia, Protezione Civile e Servizi Cimiteriali.

Rispetto alla passata organizzazione comunale non sono più responsabili di settore il geom. Giuseppe Vindigni, la dottoressa Concetta Piazzese, Saverio Adamo, Agata Tramontana, il dottor Salvatore Covato e il geom. Giuseppe Santacroce.

- Pubblicità -