Rubrica fotografica “Diaframma” . Vincenzo Alecci “presenta” la Via Lattea”

938
- Pubblicità -
Il rosolinese Vincenzo Alecci.
Il rosolinese Vincenzo Alecci.

Mi presento: mi chiamo Vincenzo Alecci, sono un fotoamatore e studente di fotografia all’Accademia di Belle Arti di Catania. Ho deciso di aprire la rubrica “Diaframma” per due semplici motivi: mostrare i miei scatti e cercare di dare consigli a chi si sta approcciando al mondo della fotografia e riceverne. In questa rubrica vi mostrerò alcuni miei scatti spiegandone i parametri tecnici utilizzati. In particolare, in questo articolo, voglio mostrarvi un mio scatto che ha come soggetto la Via Lattea, descrivendone anche i dati tecnici dello stesso. Ma andiamo con ordine elencando l’attrezzatura fondamentale per utilizzare questa tecnica:

- Pubblicità -

1.Treppiedi (indispensabile per le lunghe esposizioni)

2. Telecomando per lo scatto remoto (per evitare tremolii della macchina fotografica nel momento dello scatto)

3. Obiettivo grandangolare o semi-grandangolare (per riuscire ad includere nella foto più cielo possibile); io ho scattato con una focale di 18mm.

Dopo essersi muniti di tutto il necessario, bisogna far attenzione al periodo dell’anno in cui si effettua lo scatto; questo per tre semplici motivi:

1. è indispensabile il cielo terso, tipico delle serate estive.

2. evitare le serate con luna piena, ne risentirebbe l’inquinamento luminoso che, per questo tipo di scatto, deve essere pari a zero.

3. Nell’emisfero nord la Via Lattea è più alta nel cielo, e anche più luminosa, dalla tarda primavera fino all’inizio dell’autunno. Nei mesi invernali, quindi, potrebbe essere molto difficile fotografarla in modo chiaro.

Ma adesso passiamo ai parametri tecnici che ho utilizzato in questa foto.

Tempi di scatto: 30 secondi (limite massimo per evitare di far vedere in foto il “movimento” delle stelle dato dalla rotazione della Terra.

ISO: 1600 (limite massimo per evitare di avere troppo rumore in foto, cosa molto difficile per chi ha una Reflex Entry Level)

Apertura diaframma: f/3.5 (o più ampia in base all’obiettivo che possedete).

Dopo ciò, con una buona regolazione in post produzione di toni, luci e dettagli, si potrà ottenere una foto della Via Lattea più che accettabile.

Dopo aver descritto la modalità con la quale ho scattato questa fotografia, spero vi piaccia.

Per guardare altri miei scatti, potete visitare la mia pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/Vincenzo-Alecci-Photography/677642055698827?fref=ts

Vincenzo Alecci

- Pubblicità -