Sinistra Italiana di Rosolini presente a Roma in occasione della kermesse per il lancio della lista unitaria della sinistra alle prossime elezioni 2018

572
- Pubblicità a pagamento -
Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa della Sinistra Italiana di Rosolini
Si è tenuta all’Atlantico Live di Roma, la kermesse di lancio della lista unitaria della Sinistra in vista delle prossime elezioni politiche.                                                 
Presente alla grande assemblea popolare, l’attivo circolo Sinistra Italiana di Rosolini con in testa il segretario e delegato nazionale Corrado Fioretti.
L’evento, che ha visto l’incoronazione del presidente del Senato Pietro Grasso come leader del nuovo soggetto, ha registrato il tutto esaurito.                                               
E mentre Massimo D’Alema pronostica un risultato a due cifre alle prossime politiche per la neonata fondazione, Pippo Civati si incarica di rispondere a chi nel Pd ha accusato i promotori del nuovo soggetto – in buona parte ex dem – di rompere l’unità del centrosinistra.
Grillo, Salvini e Berlusconi oggi esultano? – ribatte Civati – No, loro tifano per Renzi perché è l’avversario ideale“.
“Dobbiamo ribadirla ogni giorno, nella costruzione politica, in quello che stiamo facendo e in quello che faremo. La fedeltà agli oppressi al centro, e il rovesciamento del senso di responsabilità. Per troppi anni si è sentita la responsabilità nei confronti dei mercati, di un sistema che ha strozzato i molti e ha premiato i pochi. Noi dobbiamo sentire responsabilità nei confronti della vita delle persone, dei disoccupati, dei più deboli, dei giovani senza presente, futuro e diritti. Quel senso di responsabilità oggi chiede una proposta alternativa, radicale, di cambiamento. Perché si possa restituire a tutte e tutti libertà e uguaglianza. Raccogliamo le vele, remiamo” – queste le parole del segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni uno dei tre leader della nuova sinistra.
Fare politica è un onore, non una vergogna. C’è in gioco il futuro dell’Italia e questa è la nostra sfida: battersi perché tutti, nessuno escluso siano liberi e uguali, liberi e uguali” ha detto ancora Grasso, citando per la prima volta il nome del nuovo soggetto: “Liberi e uguali“. E l’assemblea lo incorona leader.
Fioretti prima dell’inizio dell’assemblea si è prolungato a parlare con Civati ringraziandolo per il lavoro svolto insieme a Fratoianni e Speranza, facendo un grosso in bocca al lupo e augurando buon lavoro a tutti e tutte per l’avvio di questo nuovo progetto in vista delle elezioni politiche del 2018.
A conclusione della discussione di Fioretti avuta con Civati e Fratoianni, è stata confermata una visita che prossimamente vedrà i due leader in Sicilia e in particolare nella zona sud orientale, guidati dagli esponenti locali per incontrare tutta la comunità siciliana.

- Pubblicità a pagamento -