Criminal Society, Black Roses, Whisky & Gloria, Anzama… insieme per diffondere il...

Criminal Society, Black Roses, Whisky & Gloria, Anzama… insieme per diffondere il verbo del Rock

750
0
SHARE

Con devozione e grinta da vendere diffondono il verbo del Rock. Chi sono? “Anzama”, “Black Roses”, “Whisky & Gloria” e “Criminal Society… insieme per dare vita ad un programma ricchissimo adatto a tutti i gusti, una serata adrenalinica, indimenticabile, all’insegna della grande musica.

Le quattro band si alterneranno sul palco durante il “Rock Fest, evento promosso ed organizzato dalla band avolese “Criminal Society”, in programma sabato sera 30 aprile prossimo a partire dalle 20,00 presso “AlterEgo” in Piazza Esendra ad Avola, evento che si protrarrà fino all’1,00.

«Un Rock Fest dei “passi avanti”, un Rock Fest per chi ha voglia di ascoltare sonorità “diverse”, un Rock Fest che rappresenta una svolta per tutto il siracusano -ci dice Roberta Pappalardo, cantante del gruppo symphonic metal “Black Roses”-. La serata è assolutamente gratuita, sia per noi e sia per gli spettatori, e questo dovrebbe far riflettere. Non si tratta solo di suonare insieme ad altre band e stare felici in compagnia, ma rendere partecipi gli altri del nostro mondo, farlo conoscere e, in qualche modo, “integrarlo” anche nella nostra società. È un evento interessante, innovativo e soprattutto culturale».

Dello stesso parere è Paolo Canonico, bassista dei “Criminal Society”: «Abbiamo voluto dare vita a quest’evento per avere la possibilità di unire più musicisti della provincia, e fuori provincia, per passare una serata all’insegna della grande musica. Questo Rock Fest vuol dire tanto -continua Canonico-, ma il significato che più ci preme diffondere è quello dell’unione, dell’amicizia, dell’aggregazione, perché fra band e musicisti non ci deve essere mai concorrenza ma collaborazione.»

Insomma, un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati e non, che potranno scatenarsi e assaporare l’energia pura ed esplosiva che il rock sa trasmettere.

Giuseppe Gallato

Nessun commento

Lascia un commento