Grande partecipazione per la II edizione del Festival Folk Rosolini

Grande partecipazione per la II edizione del Festival Folk Rosolini

1291
0
SHARE
Momento della serata del Festival Folk

L’evento più frizzante e allegro dell’Estate Rosolinese 2017 è approdato sul suolo di piazza Masaniello, giovedì 17 Agosto, organizzato magnificamente dal direttore artistico della serata, il rosolinese Tiziano Di Stefano con la proficua collaborazione del “100 Once-Putia Sicula”. Un evento che ha riempito di gioia la città, con danze della tradizione popolare siciliana e pugliese, con i canti della tradizione sicula e letture di poesie.

Da sx a dx: Lucia Bordonaro, Salvatore Raimondo, Graziana Lo Castro, Silvana Mazzi, Tiziano Di Stefano, Salvatore Gallo, Nino Scifo, Paolo Bellavita, Pino Casella , Tommaso Latina, Ciccio Adamo

La manifestazione è stata presentata dalla modicana Graziana Lo Castro che ha abilmente coordinato i vari momenti. L’evento si è aperto con l’ascolto dell’Inno Siciliano “Madreterra” del compositore e cantautore catanese Vincenzo Spampinato, e poi si sono succeduti, ad arricchire la serata, il gruppo folcloristico “Val di Notocittà di Avola” con l’esecuzione di tarantelle, canti della tradizione siciliana e serenate, coordinate dall’infaticabile Margherita Puglisi, anima del gruppo. È succeduta l’ Associazione culturale musicale “Note di mare” del comune di Pozzallo, sotto la  direzione artistica di Angela Profetto. Il terzo gruppo che ha calcato il suolo della piazza Masaniello è stato  “I Perciazzucca” di Canicattini Bagni coordinati da Ciccio Adamo.

Si sono alternati fra un gruppo e l’altro, il rosolinese Salvatore Raimondo che, accompagnato alla chitarra dal maestro modicano Lino Gatto, ha brillantemente eseguito brani come “A Virrinedda“, “La baronessa di Carini“, e “La leggenda di Colapesce“. Anche Giovanna Cannata, con l’interpretazione delle sue poesie, ha reso visibile l’attaccamento affettuoso alle sue origini Rosolinesi, attraverso il suo amore viscerale per il dialetto e per le memorie locali. Il rosolinese Antonino Lorefice ha incantato con l’interpretazione dei brani “Mi votu e mi rivotu” e “Granata“. Anche il trio dei musicisti locali formato da Francesco Armeri, Corrado Lao e Maria Modica, ha portato grande allegria, da veri mattatori di piazza Masaniello.

I momenti di ballo e le coreografie sono state curate da Tiziano Di Stefano e dalla ballerina di pizzica, Silvana Mazzi; i due ballerini, insieme al talento rosolinese, di soli 9 anni, Giuseppe Di Stefano,  si sono esibiti con “U Ballettu“, “La Pizzica Salentina”  e “Tarantelle del sud Italia“. Grande partecipazione da parte del pubblico, molti giovani e meno giovani a ballare e applaudire a tempo di musica.

 

L’ideatore e l’organizzatore dell’evento Tiziano Di Stefano, ci esprime, con entusiasmo, la sua gioia per la riuscita della serata, ringraziando quanti hanno contribuito alla sua perfetta realizzazione: «Ringrazio sentitamente tutti coloro che hanno collaborato con me per la riuscita della serata, che è stata un vero successo di pubblico, il quale ha partecipato attivamente alle danze. Ringrazio gli sponsor ufficiali della serata: “100 Once – Putia Sicula” e “Case Protette Monaca” di Rosolini. Ringrazio  Corrado Occhipinti che ha curato la fotografia, Carlo Di Stefano, Tommaso Latina per la regia e l’Associazione Corto Barocco, ringrazio Nadia Cannata per aver curato la grafica. Ci rivedremo, in allegria, il prossimo anno!».

 

Nessun commento

Lascia un commento