180 mila euro dalla Regione per la messa in sicurezza della Cava Santa

722
- Pubblicità a pagamento -

È di questa mattina la notizia dello stanziamento, da parte della Regione Siciliana, di 180 mila euro per interventi urgenti di messa in sicurezza da eseguire nel Comune di Rosolini, presso la Cava di Croce Santa danneggiata dalla bomba d’acqua nella serata del 14 ottobre scorso.

Oltre a Rosolini sono 57 gli interventi previsti dalla Regione, oltre ai 26 già programmati un mese e mezzo fa, destinati alla pulitura e al ripristino della funzionalità idraulica di fiumi e torrenti; tra questi, sette sono indirizzati alla Provincia di Siracusa.

Un finanziamento di somma urgenza che accelera i tempi per la riapertura al pubblico della Cava Santa e che è stato frutto di una grande attenzione da parte dell’amministrazione comunale che tramite il gruppo “Rosolini La Nostra Terra”, rappresentato dal Consigliere Emanuele Monaco, dall’ ex Assessore Corrado Gugliotta, dall’ attuale Assessore Francesco Arangio e dagli ex Consiglieri Giovanni Monaco, Saro Cavallo e Vincenzo Paternò, ha eseguito un lavoro certosino per la concretizzazione del finanziamento appellandosi all’ Onorevole Rossana Cannata.

Nell’ esprimere la propria soddisfazione il Sindaco Giuseppe Incatasciato afferma:

“Siamo soddisfatti per l’attenzione che la Regione Siciliana ha rivolto verso il nostro territorio in particolare la zona dove insiste l’Eremo di Croce Santa recentemente interessata da una violenta bomba d’acqua. Una emergenza che attraverso un capillare lavoro di squadra, tra amministratori e funzionari, abbiamo saputo affrontare con l’immediatezza e la professionalità che al momento necessitava. Come Amministrazione Comunale –conclude Incatasciato- nel ringraziare il Presidente Musumeci e la sua Giunta per l’attenzione rivolta alla Città, assicuriamo il nostro impegno nel prossimo futuro al fine di assicurare alla città la progettualità definitiva che consentirà la fruizione del sito naturalistico, archeologico e sacro”.

- Pubblicità -