Assegnato a Corrado Armeri il “Premio Alfiere della Legalità”

1039
- Pubblicità a pagamento -

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa sul conferimento del “Premio Alfiere della Legalità” al Maestro dei Templari Federiciani, Corrado Armeri. Di seguito la nota che racconta della cerimonia di premiazione.

Pubblicità a Pagamento

Si è svolta a Crotone la manifestazione Crotone chiama Italia “La ‘Ndgrangheta non è solo affare calabrese”.

La kermesse, che ha avuto il patrocinio del Ministero della Giustizia, della Camera dei Deputati e il saluto inviato dal Capo dello Stato Mattarella, ha visto la presenza di personaggi che combattono ogni forma di illegalità e operano per la difesa delle donne e contro ogni forma di violenza in genere.

Tanti i premiati e le loro storie nel ricordo di Giuseppe Parretta, in una serata d’eccezione magistralmente condotta dalla giornalista Rai Valeria Porrovecchio.

Il momento della premiazione

Tra i premiati, il rosolinese Gran Maestro dei Templari Federiciani Corrado Armeri, Orlando Amodeo, Jessica Tassone, Sergio Caruso, Fabrizio Gallo, Pietro Masciari, Santino Caccia, Antonino Fazio, Giovanni Buccheri, Andrea Arcuri; premi speciali per i giovani dell’Aquila che hanno progettato la nuova “Casa dello Studente” in memoria di tutti i giovani universitari morti in quella precedente, Davide, Massimo,Francesco e Gabriele.

Premio anch alla giovane Maria Cristina Fiore, la studentessa calabrese premiata dal Presidente della Repubblica come la studentessa più brava d’Italia.

Tante le associazioni che hanno dato vita alle varie testimonianze di lotta giornaliera, tra cui Libere Donne con la presidente Villirillo e tante altre.

Il premio conferito a Corrado Armeri

Il “Premio Alfiere della Legalità” è stato consegnato da Benedetta Parretta al Gran Maestro dei Templari Federiciani Armeri, con la seguente motivazione: “Esempio e guida per noi giovani che, animati da uno spirito di giustizia vogliamo creare le condizioni migliori per una comunità migliore. Grazie per il vostro supporto. È infatti meritorio da tempo l’impegno dei Templari Federiciani in Calabria e soprattutto con la timoniara calabrese e Gran Priore di Calabria l’Avv.Filomena Falsetta. L’impegno civilecontro le mafie,a favore dei giovani e delle donne è costante e in prima linea“.

- Pubblicità a pagamento -