Il rispetto delle regole per grandi traguardi: successo per il musical dell’Istituto D’Amico

265
- Pubblicità a pagamento -

Da una serie di progetti improntati alla legalità, al rispetto delle regole e del vivere civile ad un musical che, con accortezza di dettagli, è stato portato in scena il 7 giugno scorso all’Auditorium La Pira con una platea attenta e curiosa di genitori, docenti e associazioni cittadine, prima fra tutti l’Associazione Antiracket. Dal rispetto per l’ambiente agli incontri con le forze dell’ordine –  i Carabinieri, la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza – l’Istituto D’Amico nel corso dell’anno si è fatto portatore di un progetto serio che ha segnato docenti e ragazzi; una sola parola: “Rispetto”.

Pubblicità a Pagamento

La stessa parola che, posta a retroscena del palco, ha guidato i giovani e bravissimi studenti nelle loro interpretazioni di canto, recitazione e ballo. “Fame”, il nome del musical, ovvero “Saranno Famosi”, che ha raccontato la vita di un gruppo di studenti della prestigiosa Fame School di New York, dalle audizioni al conseguimento del diploma.

Qual era il nesso con il progetto della legalità ce lo siamo chiesti tutti, fino a quando alzato il sipario e coinvolti dai giovani attori il legame è stato chiaro. “I più grandi traguardi si raggiungono grazie all’impegno, alla guida degli insegnanti e al rispetto delle regole perché prima di tutto siete persone e dovete vivere come tali, siete uomini e donne prima che attori e ballerini” – recitava la giovanissima studentessa nel ruolo di Preside della Fame School.

E attori e ballerini strepitosi sono stati i ragazzi in scena che hanno saputo destreggiarsi sul palco con naturalezza e che, coinvolti dalle storie che rappresentavano, hanno avuto il talento di saper coinvolgere tutti con una interpretazione che oscillava dal riflessivo al comico e che mai perdeva di vista il forte messaggio. Nel ruolo di attrici, sul palco, anche la Dirigente Ingallina e la vice, la prof. Belluardo, che con i loro brevi e toccanti monologhi hanno dato valore alla conclusione di un progetto per cui da un anno intero si spendono, assieme all’instancabile corpo docenti, e per il quale continueranno a spendersi sempre, negli anni a venire.

“Ringraziamo tutti, i genitori, l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine che in questo anno ci hanno collaborato” – ha detto la Dirigente che si è poi rivolta agli stessi genitori con un messaggio chiaro seguito da un applauso scrosciante: “Questi sono i vostri figli, imparate da loro la pratica del rispetto”.

 

 

- Pubblicità a pagamento -