Chiuso “improvvisamente” l’accesso a Rosolini dall’incrocio S.Statale – Via Ronchi

3662
- Pubblicità -

A partire da qualche ora è praticamente impossibile entrare a Rosolini dal più consueto e praticato accesso di Via Ronchi.  Provenendo dalla statale, infatti, non è più possibile salire da Via Ronchi ma bisognerà imboccare Via delle Acacie, ora a doppio senso, e proseguire per Corso Savoia.

- Pubblicità -

Da via Ronchi, per tutta la sua lunghezza, si potrà invece solo scendere. L’accesso al paese diventa adesso invece una strada di “sola uscita”.

Non tardano ad arrivare le prime osservazioni e i primi malcontenti da parte dei cittadini che, percorrendo la statale con l’intento di imboccare via Ronchi, hanno dovuto improvvisamente cambiare senso di marcia bloccati dai Vigili Urbani.

Giorgio Spadaro, ex Vicepresidente del Consiglio, ha manifestato tutto il suo sdegno nei confronti di un’azione “improvvisata, inconcludente e pericolosa”, come lui stesso l’ha definita.

-“E’ squallido chiudere l’ingresso del paese in questo modo, anche perché parliamo dell’unico ingresso dignitoso di Rosolini”- ha affermato Spadaro e ha continuato –“ Se fino ad ora la viabilità sperimentata stava funzionando, qual è stato il problema? “-

A rispondere, Il Comandante dei Vigili Urbani, Orazio Agosta: “ La zona interessata è sempre stata nevralgica per il nostro paese e nel periodo estivo si è resa necessaria una modifica della viabilità”.

L’incrocio S.Statale- Via Ronchi

Il Comandante tiene infatti a precisare che è stata solo sostituita “la mossa” dello scorso anno, in prossimità della stagione estiva, in cui si scendeva da Via delle Acacie e si rientrava a Rosolini da Via Ronchi. Adesso via delle Acacie diventa a doppio senso di marcia e Via Ronchi a senso unico. Un cambio radicale ma che secondo il Comandante sarà vitale per la circolazione di autobus e soprattutto di autoambulanze che non troveranno più alcuna ostruzione in caso di emergenza.

“Questa nuova viabilità- conclude il Comandante– così come accade di solito, è attuata in via sperimentale perché crediamo che possa rivelarsi efficiente.”

Traspare però, quasi palesemente, che la nuova transitabilità non sia stata prevista solo in vista della stagione estiva ma è probabile che resti in modo permanente; a detta del Comandante però: “resterà ovviamente solo se sarà efficace”.

- Pubblicità -