Città di Rosolini in crisi, altri 3 giocatori lasciano la squadra. Errante: “Io non mollo”

1933
Il presidente del Rosolini, Piero Errante
- Pubblicità -

Altri tre giocatori granata lasciano il Rosolini. Giuseppe Rizza, Danilo Ulma e Giuseppe Martines, infatti, da questo pomeriggio non sono più giocatori del Città di Rosolini, una decisione che è stata presa dal presidente Piero Errante molto simile a quella che ha portato all’esclusione di Sami Elamraoui circa due settimane fa.

- Pubblicità -

“Ieri ho detto apertamente: prima una vittoria e poi lo stipendio -dice il presidente Errante-. Non hanno preso bene questo mio sfogo e oggi non sono venuti all’allenamento. Quindi per me non sono più giocatori del Rosolini”.

Domenica il Rosolini effettuerà il turno di riposo nel campionato di Eccellenza. Nel frattempo la società è in cerca di pedine per “rifondare” la squadra.

“Io non mollo anche se la squadra non viene presa nella giusta considerazione dalle istituzioni -conclude Errante-. Siamo stati lasciati soli e dimenticati da tutti. Per quanto riguarda il mercato cercheremo giocatori svincolati o attenderemo l’apertura del mercato invernale e non avremo problemi a riprendere in mano la situazione. Ma quando un giocatore non dimostra l’atteggiamento giusto, per me ha chiuso. Il Rosolini non è uno stipendificio: i giocatori sanno che ho sempre onorato gli impegni, ma questo non vuol dire che in campo non si devono pretendere i risultati”.

- Pubblicità -