Ruba il cellulare di un minore: arrestato dai Carabinieri

2107
- Pubblicità -

Proseguono con incisività i servizi posti in essere dai Carabinieri della Compagnia di Noto finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati, con particolare riguardo ai reati contro il patrimonio ed al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.

- Pubblicità -

Nella serata di ieri, 1 novembre, i Carabinieri della Stazione di Rosolini hanno tratto in arresto Costanzo Paolo, netino classe 1994, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia.

Lo stesso si sarebbe infatti impossessato del cellulare di un minore rosolinese, con la scusa di una telefonata di emergenza, per poi allontanarsi e far perdere le proprie tracce. L’immediato intervento dei Carabinieri, già impegnati in zona in un servizio di controllo del territorio, avrebbero permesso di bloccare il Costanzo mentre tentava di rivendere il cellulare. Condotto in caserma, l’uomo è stato dichiarato in stato di arresto e successivamente, al termine delle formalità di rito, tradotto presso la casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa, a disposizione dell’A.G. aretusea.

L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Noto rimane alta e costante sull’intera giurisdizione di competenza al fine di fornire una risposta concreta ed incisiva alle legittime pretese di ordine e sicurezza pubblica avanzate dai cittadini.

Pertanto continueranno con assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei Carabinieri, svolte dalle numerose pattuglie impiegate giorno e notte per il controllo della circolazione stradale e soprattutto per prevenire la commissione di reati contro il patrimonio, affiancando alla capillare perlustrazione del territorio una continua e attività info-investigativa, contattando commercianti e cittadini al fine di acquisire quante più notizie utili per prevenire il ripetersi dei reati ed assicurare alla giustizia gli autori di quelli già perpetrati.

È difatti fondamentale la collaborazione di tutti, non solo degli addetti ai lavori, ma anche e soprattutto della cittadinanza la quale è invitata a segnalare al numero di emergenza 112 qualsiasi situazione dubbia di cui venga a conoscenza.

Fonte: Comunicato stampa Carabinieri

- Pubblicità -