“Corsa della Solidarietà”: gli alunni dei “Comprensivi” promuovono sport, salute e solidarietà

1997
- Pubblicità -

Sport, salute e tanta solidarietà. Sono queste le tre “S” che stamattina sono state portate in piazza Garibaldi invasa pacificamente degli alunni delle scuole medie degli istituti comprensivi di Rosolini. L’evento “corsa per la solidarietà”, patrocinata dall’amministrazione comunale, si inquadra nell’ambito di un progetto Erasmus “Sport e salute” portato avanti dall’istituto “D’Amico” che per l’occasione ha voluto coinvolgere anche la “De Cillis” e il “Santa Alessandra”.

Dopo il concentramento presso il Parco Giovanni Paolo II, tutti in Piazza Garibaldi per il saluto istituzionale del Sindaco e dei Dirigenti Scolastici, la consegna dei doni e la  premiazione dei vincitori dei varie gare. Nel corso del suo intervento il sindaco Corrado Calvo ha rimarcato la valenza del gesto e il messaggio simbolico di solidarietà che le scolaresche cittadine  hanno voluto lanciare. “Una bella iniziativa -ha affermato il Sindaco- soprattutto quando vede coinvolte le scolaresche in gesti concreti di solidarietà e per questo ringrazio tutti, alunni, dirigenti e docenti che si sono adoperati per la realizzazione della manifestazione. I valori della solidarietà, spesso in discussione negli ultimi tempi, oggi sono stati messi in evidenza in questa manifestazione per cui non posso che esprime tutto il mio personale compiacimento e di tutta l’Amministrazione Comunale che ha voluto patrocinare l’evento”.

“Il progetto Erasmus che ha la finalità di formare gli studenti a diventare cittadini europei –spiega la referente Maria Belluardo-, coinvolge l’istituto D’Amico e altri istituti europei della Polonia, Romania e Spagna, ed è rivolto a sensibilizzare l’alunno ai sani principi dello sport e della salute. Uno sport vissuto come fair play e rispetto dell’avversario più debole. Inoltre abbiamo voluto aggiungere la solidarietà con una raccolta di beni di prima necessità che saranno donati alla Caritas cittadina tramite il Comune. Un progetto che tocca i punti più deboli della nostra società ed è per questo che abbiamo voluto condividerlo con gli altri istituti comprensivi che hanno accettato immediatamente il nostro invito”.

Pasta, farina, zucchero sono stati donati alla Caritas cittadina. “Ci sono oggi tante famiglie che vivono una condizione di disagio -spiega Salvatore Magrì, responsabile centro di aiuto “Caritas” della Chiesa Madre di Rosolini-, e gesti come quelli di oggi aiutano queste persone, nel loro piccolo, a riempire qualche armadietto vuoto. Lo facciamo con piacere in nome di Gesù Cristo che ci dice di amare i nostri fratelli e noi ci sentiamo impegnati in questa attività che porta buoni frutti”.

Il progetto di questa mattina è stato coordinato dal docente della D’Amico, Corrado Trombatore.

“Ringraziamo tutte le scuole che hanno accolto il nostro invito –ha detto Trombatore-, l’amministrazione comunale per l’appoggio logistico, il Comune nella persona della responsabile Agata Tramontana. Oggi vuole essere una giornata di festa all’insegna dello sport, lealtà e aiuti per i più deboli”.

- Pubblicità -