Da domani attiva l’illuminazione da via S.Alessandra allo svincolo di C.da Masicugno

284
- Pubblicità a pagamento -

Una promessa è una promessa.

Pubblicità a Pagamento

Lo aveva assicurato l’Assessore ai Lavori Pubblici Carmelo Di Stefano lo scorso 6 settembre: entro fine mese l’impianto di pubblica illuminazione lungo la via S.Alessandra ( tra Viale Libertà e lo svincolo Ristallo – Masicugno) sarebbe stato attivato, e così è stato.

Domani 28 settembre, 60 corpi illuminanti a Led daranno visibilità e luce a quel tratto viario spesso protagonista di spiacevoli episodi e incidenti stradali.

Come si ricorderà, l’installazione dei pali e di tutta la rete elettrica fu eseguita dalla ditta ARIS  S.R.L. di Favara ( lo scorso mese di giugno) che, proprio in queste settimane, ha chiuso la contabilità con l’Ente.

Il Responsabile dell’UTC ing. Corrado Mingo ha provveduto ad un affidamento diretto dei lavori alla ditta “Carnemolla”, la quale ha prontamente proceduto alla messa in opera dei pali della luce per il completamento dell’impianto.

L’assessore ai lavori pubblici, Carmelo Di Stefano

Questa arteria periferica è stata oggetto di un incremento esponenziale sia di residenze e abitazioni, sia di attività commerciali – spiega Di Stefano – . E il nostro intervento rientra in quelli programmati dall’Amministrazione per la messa in sicurezza del territorio ed in particolare per quella stradale – precisa l’Assessore – vista l’importanza della presenza, lungo la zona interessata, di un frequentato centro commerciale, un istituto scolastico e varie attività spesso e volentieri vittime di un  tratto di strada che si prestava ad alte velocità da parte dei veicoli transitanti”.

Un’altra importante opera di illuminazione verrà, subito dopo quest’ultima, avviata in contrada Pagliarazzi e, tra le “idee” dell’Amministrazione Comunale, ci sarà anche la realizzazione di una strada conciliante che unirà Area della Protezione Civile con via S.Alessandra, il tutto per facilitare e rendere più fruibile e sicuro il traffico.

Ancora una volta – conclude Di Stefano – dimostriamo con i fatti che l’attenzione e l’impegno verso le periferie sono sempre alti. Quando dico delle date non le sparo a vanvera – ribadisce – , non lo facciamo per fare propaganda elettorale, ma agiamo con lungimiranza e cognizione di causa, garantendo contenuti e non vuoti, alle generazioni future di Rosolini“.

E aver fornito un servizio indispensabile per i cittadini come l’impianto elettrico in quella “funesta” via, dimostra questo e anche altro: ovvero che il passaggio delle parole ai fatti, a volte, può realmente verificarsi.

- Pubblicità a pagamento -