Discarica chiusa “per incendio”, contrada Perpetua sommersa dai rifiuti

1900
- Pubblicità -

- Pubblicità -

Nuovo “caos” rifiuti a Rosolini. La discarica di Grammichele gestito dalla “Kalat”, dove il Comune di Rosolini conferisce i rifiuti solidi urbani, è stata distrutta da un incendio, e al momento non è possibile smaltire l’umido che viene una volta raccolto viene ammassato in contrada Perpetua, nella zona dove dovrebbe sorgere un centro comunale di raccolta.

Ed il risultato è cumuli di rifiuti ammassati in tutta la zona, diventata al momento una vera e propria discarica a cielo aperto con i residenti per primi e i dipendenti della ditta di raccolta rifiuti che sono costretti a respirare veleni e lavorare con il rischio di prendere anche qualche malattia. In un primo momento, per far fronte al problema, erano stati posizionati dei conteiners verdi, ormai tutti saturi. L’umido ha già invaso parte della zona con odori nauseabondi e percolato che stanno aumentando creando una vera e propria emergenza sanitaria.
“Quello che sta succedendo è assurdo -dice il sindaco Corrado Calvo-, in quanto il problema non è solo per Rosolini ma bensì per tutti i Comuni che scaricano i propri rifiuti nella discarica di Grammichele gestita dalla Kalat che è stata distrutta da un incendio. Ho chiamato la Regione, il presidente della società di regolamentazione del servizio di gestione rifiuti ma mi è stato risposto che al momento non ci sono altre discariche disponibili in giro. Come intende risolvere questa emergenza il presidente Crocetta? Unica risposta che ci è stata data è che la messa in sicurezza della discarica dovrebbe essere effettuata entro la fine di luglio. E fino a quella data cosa dobbiamo fare?”.
Come mostrano le immagini che abbiamo girato questa mattina in contrada Perpetua, l’umido viene ammassato in attesa che possa essere smaltito. La situazione potrebbe peggiorare se non si trova una veloce soluzione al problema.
Visto l’emergenza oggi più che mai è necessario effettuare una corretta differenziazione dei rifiuti. Con regolarità, infatti, continuano ad essere smaltiti nelle apposite discariche la plastica, la carta e il vetro.

- Pubblicità -