Erasmus, “Attivi, creativi, intraprendenti”: a parlare agli studenti due imprenditori

759
- Pubblicità a pagamento -

Tre parole chiavi e un unico grande obiettivo.

Attivi Creativi  Intraprendenti” verso un sogno, una predisposizione, una passione che sappiano far nascere e crescere dentro ognuno di loro, un’inconfutabile consapevolezza e un costante desiderio: restare in questa Terra e vedere in ogni difficoltà una miriade di opportunità che vanno solo scoperte, attenzionate e valorizzate.

Si basa su questo ampio progetto, il filone di appuntamenti formativi che l’Istituto Comprensivo “F.D’Amico” di Rosolini, nell’ambito del Progetto Erasmus “ActiveCreativeEnterprising”, di cui è coordinatore, ha avviato con lo scopo in primis di inculcare agli studenti lo spirito imprenditoriale, ma anche con il fine ultimo di infondere in loro il coraggio di mettersi in gioco, di inseguire il proprio sogno, e di scommettere in e per la Sicilia. Il tutto, naturalmente, attraverso una promozione del territorio che passa da uno studio approfondito e una conoscenza diretta con la varie realtà ed eccellenze locali.

Pubblicità a Pagamento

Per farlo, i docenti dell’Istituto, tra le innumerevoli attività, hanno programmato difatti una serie di incontri, che avranno cadenza settimanale, con vari “esperti”.

Oggi pomeriggio, presso i locali del plesso “La Pira”, a parlare agli alunni e a testimoniare la loro esperienza sono stati due imprenditori, Giuseppe La Ciacera per “Mmìria sapore siculo” e Claudia Ragusa per “East Sicily”.

Giuseppe ha raccontato la storia della sua azienda, che nasce nel 2011 a Modica, dall’unione di un allevatore e uno zoonomo, Mario Occhipinti e Giuseppe La Ciacera appunto, con la volontà di racchiudere in sé la storia e i sapori di un territorio, quello ibleo. Claudia Ragusa, invece, ha esposto l’attività di promozione turistica del territorio che la sua agenzia porta avanti a fianco di quelle realtà imprenditoriali, come “Mmìria”, che invece di mollare e cercare fortuna altrove, scelgono di restare e di credere ai tanti benefici che Sicilia può dare; realtà visionarie che ogni giorno scommettono sulle potenzialità della nostra terra.

È stato questo il primo step del progetto Erasmus che coprirà un intero biennio. Esso svilupperà un variegato e costruttivo programma, che si chiuderà proprio a Rosolini, a maggio del prossimo anno con la presenza di tutte le delegazioni internazionali partecipanti.

Tra i prossimi incontri previsti, ci sarà quello relativo all’educazione finanziaria, anch’esso relazionato da un esperto del settore.

 

- Pubblicità a pagamento -