Gennuso: “Il sindaco di Pachino pubblichi le analisi dell’acqua immessa nella rete idrica”

827
L'on. Pippo Gennuso.
- Pubblicità -

«La stagione estiva sta per finire, ma a Marzamemi continua l’azione persecutoria dell’amministrazione comunale di Pachino nei confronti degli avversari politici del sindaco. La misura è colma, il prefetto di Siracusa ha il dovere di intervenire». Sono queste le pesanti accuse lanciate dal deputato regionale Pippo Gennuso, che denuncia vari disservizi, a cominciare dalla distribuzione dell’acqua. «In questo affollatissimo luogo di vacanze, quest’anno a farla da padrona è stata “l’illegalità diffusa”. Mi riferisco in particolar modo al suolo pubblico, alle multe della polizia municipale elevate ad “orologeria”, ma soprattutto ai disagi apportati agli esercizi commerciali costretti a fare intervenire le autobotti per approvvigionarsi. Mi preme capire – aggiunge Gennuso – da quali sorgenti sia stata presa l’acqua dal Comune di Pachino, poi immessa nella rete idrica. Il sindaco di Pachino, Roberto Bruno, dica alla popolazione cosa hanno bevuto e pubblichi sul sito istituzionale del Comune i risultati delle analisi dell’acqua. Le ordinanze non servono se non supportate dalle prove, perchè lasciano il tempo che trovano, A memoria d’uomo – conclude il deputato – non ricordo negli ultimi anni una situazione così disagevole a Marzamemi. E la borgata marinara non è stata scoperta l’altro ieri».

- Pubblicità -