La villetta “Salvatore Cultrera” riprende vita grazie all’associazione MU

4074
- Pubblicità a pagamento -

Ha riscosso un enorme successo il “ColoraMu – Sicula Art Festival”, che si è svolto mercoledì 24 agosto e che ha ridato vita alla villetta comunale “Salvatore Cultrera”, meglio conosciuta come “villetta degli innamorati”. Il festival, organizzato dall’associazione “MU – Musicisti Uniti” con in testa il presidente Davide Di Rosolini e il segretario Maurizio Di Stefano, ha portato tantissimi rosolinesi a riscoprire un posto quasi dimenticato della città, che ha ripreso vita grazie ai tanti artisti di strada che si sono esibiti durante la serata come lo stesso Davide Di Rosolini, il Trio Belvedere, la Tinto Brass Street Band, Claudio Covato con le poesie tratte dal suo primo libro e il Duo Circo Riccio, che durante il pomeriggio ha anche intrattenuto i più piccoli con un laboratorio di giocoleria e di bolle di sapone. Anche la vasca, da tempo dimenticata, è stata sistemata con un sistema di acquaponica da Nicolas Plechuk, dal fratello Enzo e dal padre Raul Basilio Plechuk.

La Tinto Brass Street Band
La Tinto Brass Street Band
Pubblicità a Pagamento

La maggiore attrazione della giornata è stata però il contest pittorico che ha visto tanti artisti da tutta la sicilia dipingere le panchine della villetta seguendo il tema del carretto siciliano, trasformandole in vere e proprie opere d’arte.

I 14 artisti che hanno partecipato al contest sono Maria Chiara Armenia, Andrea Gionpaolo, Fabiola Branca, Gianluigi Pitrolo, Giuseppe Francalanza, Angela Moncada, Michele Calvo, Teresa Cavallo, Alexandra Speranza, Giorgio Distefano, Elisa Latina, Ernesto Ognibene, Flavia Albani, Angela Oddo; a ciascuno di loro è stata assegnata, tramite sorteggio, una panchina da decorare.

mu2 mu3 mu4

Una giuria di esperti, formata da Annamaria Baglieri, Ignazia Pace, Alessandra Di Lorenzo, Vincenzo Di Lorenzo, Salvatore Farieri, Salvatore Ferrara e dal presidente di giuria Corrado Calvo, ha poi valutato tutti i lavori decretando i tre vincitori: a Maria Chiara Armenia è andato il primo premio di 500 euro, ad aggiudicarsi il secondo premio, di 300 euro, è stato Giorgio Distefano, mentre il terzo premio, di 100 euro, è andato a Michele Calvo.

La vincitrice del contest, Maria Chiara Armenia
La vincitrice del contest, Maria Chiara Armenia

Altre tre panchine, non in concorso, sono invece state decorate da ragazzi dell’associazione che hanno voluto partecipare alla riqualificazione della villetta.

Tre delle volontarie che hanno dipinto le panchine non in concorso
Tre delle volontarie che hanno dipinto le panchine non in concorso
La giuria del concorso
La giuria del concorso

«È difficile dire qualcosa su quanto è successo alla villetta degli innamorati mercoledì sera – ha dichiarato uno stanco ma soddisfatto Davide Di Rosolini – anche perché gli sforzi sono stati tantissimi e tutta l’associazione usciva da 10 giorni di preparazione di Sincero Festival. Mi viene da dire che tra il dire e il fare c’ è di mezzo il mare e noi il mare lo superiamo, a nuoto… forse è per questo che adesso ho il fiatone. Ho visto tutti felici e di nuovo innamorati, quindi a tema con la villetta. Per il resto fateci prendere un po’ di aria e vedrete che ne combineremo ancora di tutti i colori. Inviterei tutti quelli che ci hanno fatto i complimenti e dato consigli a indossare i vestiti più umili per dipingere insieme a noi la prossima volta. Sempre vostro… se ci campamu».

Soddisfatto della giornata anche il segretario Maurizio Di Stefano, che la definisce «straordinaria, non per l’evento in sè, che è stato fantastico sotto tutti i punti di vista, ma per quello che ha innescato. Ho sempre pensato che a Rosolini ci sono tanti giovani e meno giovani virtuosi che purtroppo non trovano supporto e che quindi magari per anni rimangono nell’ombra. Quello che è successo mercoledì è l’accensione di una scintilla in mezzo ad un campo di grano! Gli animi si sono accesi, i fuochi alti nello spirito hanno illuminato speranze. Tante persone sono venute a complimentarsi, tante a portare le proprie idee e i propri progetti da anni messi in un cassetto! Questo era quello che io, Davide Di Rosolini e Nicolas Plechuk volevamo sin dall’inizio, ovvero accendere gli animi. Sono convinto che l’associazione MU farà tanto parlare di sè. Abbiamo iniziato in 10 con un aperitivo di presentazione, e adesso siamo più di 150 e siamo partiti da due mesi circa! Passo dopo passo cercheremo di dare vita alla cultura, di tessere arte e colorare gli animi delle persone! Seguiteci, ma soprattutto collaborate! Ognuno di noi rosolinesi è importante per l’associazione! A questo proposito vorrei ringraziare Sara Calvo, che si è prodigata per mettere insieme una giuria seria e competente, e l’Atlantique cafè che ha fornito viveri e bevande a tutto lo staff e agli artisti».

Giovanna Alecci

- Pubblicità a pagamento -