Meetup Grilli Elorini: “Nomine del Nucleo di valutazione: una farsa!”

667
- Pubblicità -

Negli ultimi giorni, dopo le nomine del nuovo nucleo di valutazione, un polverone di polemiche ha investito l’azione dell’amministrazione comunale, accusata di non aver rispettato i criteri di trasparenza con cui si proclama.

- Pubblicità -

Anche il Movimento 5 Stelle di Rosolini dice la sua al riguardo. Riceviamo e pubblichiamo un loro comunicato stampa sull’argomento. Di seguito il testo integrale.

“Una farsa! Non ci sono altri aggettivi per definire la procedura di nomina dei componenti del Nucleo di Valutazione, asservendola alle logiche spartitorie proprie della vecchia politica.

Il Sindaco, con l’inedita pubblicazione di un avviso pubblico, pensava forse di distinguersi per il rispetto degli aneliti di trasparenza e legalità, tanto decantati in campagna elettorale, salvo scontrarsi con le pretese delle fazioni che danno corpo alla famelica maggioranza.

Pertanto, in barba all’avviso pubblico ed alle numerose richieste pervenute da parte degli ignari aspiranti, bisognava correre ai ripari, promuovendo chi ha dato prova di fedeltà ed ha contributo in maniera diretta o indiretta alla sua elezione.

Così, ha dovuto digerire l’imposizione del PD, che ha cura di sponsorizzare i propri dirigenti del domani procurandogli un posto al sole, e quella di chi, avendo contribuito in maniera determinante alla sua elezione, presenta un primo conto per il servigio reso.

Sin dal momento della pubblicazione dei nomi dei “prescelti”, si è insinuato il dubbio che di farsa si trattasse. Oggi, grazie agli atti pervenutici a seguito di apposita richiesta effettuata da parte della nostra portavoce in Consiglio Comunale Anna Azzaro, ne abbiamo avuto ulteriore conferma, dopo aver visionato i curricula di coloro che avevano manifestato interesse alla nomina.

Dei 25 curricula presentati, la maggioranza si riferiva a soggetti con pluriennale esperienza nel campo, iscritti all’elenco nazionale degli Organismi di Valutazione, finanche in possesso di master in tecniche di valutazione, ma fra questi non figuravano i tre che sono stati successivamente nominati!

È d’obbligo, pertanto, chiedersi a quali criteri si sia ispirato il Sindaco nella scelta, dato che sicuramente non sono stati utilizzati quelli previsti dall’avviso pubblico (“Esperti in tecniche di valutazione”).

Ancora una volta dobbiamo riconoscere il coraggio di questo Sindaco di adottare metodi di scelta che privilegiano i soggetti appartenenti alla sua coalizione, salvo poi giustificare il tutto attraverso “avvisi pubblici” di facciata, in spregio alla buona fede dei partecipanti.

Il nucleo di valutazione si dovrà esprimere (tra l’altro) sul raggiungimento degli obiettivi da parte dei dirigenti, compito delicato che andrebbe affidato a soggetti al di fuori di ogni logica di appartenenza politica per l’ovvio rischio di subordinare tale valutazione al gradimento di chi ne determina la nomina.

Nella speranza che per il futuro si adotti un metodo diverso, che tenga realmente conto delle competenze indicate in un curriculum, auguriamo un buon lavoro ai giovani componenti dell’organo confidando che, acquisita la nomina, possano espletare il loro ruolo in condizioni di indipendenza e liberi da obblighi di riconoscenza nei confronti di qualsivoglia capo fazione che ha determinato la loro scelta”.

Meet Up Grilli Elorini

- Pubblicità -