Spadola sul nucleo di valutazione: “Addio alla decantata trasparenza”

594
Il consigliere comunale Giovanni Spadola
- Pubblicità -

“In cinque mesi due assessori cambiati, e continue scelte scellerate da parte dell’amministrazione guidata da Pippo Incatasciato. E’ una Rosolini allo sbando, con le casse comunali vuote, con una raccolta differenziata a singhiozzo e con un futuro sempre più nebuloso”.

- Pubblicità -

A parlare è il consigliere comunale Giovanni Spadola che interviene dopo la nomina del Nucleo di Valutazione. “Ultima perla del sindaco di Rosolini -dice Spadola-, la determina con la quale ha nominato in Nucleo di Valutazione. Voglio far sapere ai concittadini rosolinesi che i candidati al bando di selezione indetto dal Comune, sono stati 25. Alcuni con un curriculum di primo piano e mi riferisco a Salvatore Vindigni, Luigi Fratantonio e Irene Scala. Vorrei capire, e non solo io, ma i cittadini amministrati, qual è stato il metodo di valutazione che ha portato il sindaco Incatasciato a nominare Viviana Basilico, (Presidente) Simone Migliore e Gianluigi Pitrolo. Non ho nulla di personale sui nominati, mai criteri delle scelte sì”.

Spadola fa sapere che sulla vicenda è partita la prima azione legale da parte dell’avvocato Pinello Gennaro “che nell’interesse dell’avvocata Scala, ha presentato una istanza di accesso agli atti al responsabile delle Risorse umane del Comune. Ha chiesto la copia determina sindacale, le domande degli aspiranti ed i loro curriculum. L’avvocato Gennaro fa sapere che gli atti verranno inviati “all’Autorità giudiziaria al fine di tutelare i diritti della mia cliente”. Anch’io su questa vicenda voglio capire e soprattutto vederci chiaro, così come hanno fatto già i miei colleghi Di Rosolini e Azzaro. Vogliamo sapere dov’è finita la tanto decantata trasparenza”.

- Pubblicità -