Rifiuti in Contrada Stafenna, Mente e Cuore: “È fondamentale tornare cittadini consapevoli!”

Rifiuti in Contrada Stafenna, Mente e Cuore: “È fondamentale tornare cittadini consapevoli!”

[adrotate banner=”10″]

Sulla situazioni rifiuti in Contrada Stafenna si esprime, dopo Sinistra Italiana, anche il Movimento politico Mente e Cuore. “Grazie ai cittadini netini e all’amministrazione comunale per le segnalazioni, è fondamentale tornare cittadini consapevoli” e poi la loro proposta: “Perchè non organizzare dei PUC nell’ambito della tutela ambientale?

[adrotate banner=”20″]

Il testo integrale inviato dal gruppo politico: 

[adrotate banner=”25″]

– Quei gatti vengono qua dentro solo per fare pipì. […] Questa cantina è il loro gabinetto. La fanno qua per non inquinare ulteriormente le acque della Laguna. A quanto pare i gatti veneziani hanno una squisita coscienza ecologica.

Gianni Rodari, l’autore di queste breve citazione, riporta al centro il tema della coscienza ecologica mentre i fatti recenti di Contrada Stafenna ci riportano alla cruda realtà: montagne di spazzatura ammassate dall’ Homo sapiens. Materassi, elettrodomestici e qualche centinaio di sacchetti di spazzatura, questo è il quadro che ci riporta alla famosa questione sollevata dalla Lucarelli.

[adrotate banner=”31″]

Il movimento Mente e Cuore, ringraziando i cittadini netini e l’amministrazione comunale per le segnalazioni e il tempestivo impegno, intende sottolineare un punto centrale e più volte ribadito: è fondamentale tornare cittadini consapevoli!

Il primo passo in questa direzione deve essere quello di diventare «ecologicamente coscienti», si dice. Ma questa consapevolezza, o nuova coscienza ecologica, fa i conti con una realtà in cui la tutela dell’ambiente rimane ancora una questione drammaticamente aperta. Ripartiamo dai piccoli gesti di tutela ambientali, senza cicloni emozionali dettati dalla star di turno, l’indignazione è comprensibile, i piccoli gesti di responsabilità quotidiana sono doverosi.

[adrotate banner=”32″]

Una modesta proposta infine: perché non organizzare dei PUC (progetti utili alla collettività) nell’ambito della tutela ambientale, al cui svolgimento sono tenuti i percettori di reddito di cittadinanza per almeno 8 ore settimanali, aumentabili fino a 16?

MENTE E CUORE

[adrotate banner=”33″]

CATEGORIE
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus ( )