“Siete complici”, Gennuso annuncia querela contro Borrometi e Perricone

2255
- Pubblicità a pagamento -

“Purtroppo devo darti una brutta notizia. Sono costretto a querelare Borrometi e a te”, e quel “te” è riferito al direttore del Corriere Elorino, Ferdinando Perricone, che ieri ha pubblicato sul sito internet del Corriere Elorino parte delle dichiarazioni esternate in piazza Garibaldi a Rosolini, in collegamento streaming, dal giornalista Paolo Borrometi nel corso della serata in ricordo di Paolo Borsellino.

Pubblicità a Pagamento

Borrometi, nel suo intervento leggi quì l’articolo, dopo un dibattito sul “Sistema Siracusa”, affermava tra l’altro che l’immagine di Rosolini era stata “inquinata” dal deputato regionale Giuseppe Gennuso.

La telefonata di stamattina di Gennuso al direttore Perricone è stata chiara: “Fino a prova contraria non sono stato ancora condannato a niente. La mia prima posizione è stata archiviata e non ho fatto mai voto di scambio politico-mafioso. Posso essere indagato, ma non condannato. Invece voi vi siete resi complici di cose non veritiere, direttamente e indirettamente”.

Il deputato Gennuso passa poi oltre ribadendo accuse contro l’avvocato Giuca: “Queste cose le scrivi -riferito al direttore Perricone-, perchè sei telecomandato da Giuca e altri. Devi sapere che il complottatore le perderà tutte le cause contro di me. Perchè io sono pulito”.

 

Nota del direttore Ferdinando Perricone

Per il deputato Gennuso l’aver scritto un articolo su una dichiarazione pubblica ci rende “complici” con chi l’ha esternata. Questo vorrebbe dire che siamo stati “complici” migliaia di volte, ogni qualvolta abbiamo virgolettato una dichiarazione sul nostro giornale.

Caro onorevole. Possiamo comprendere che il periodo che sta affrontando è alquanto tortuoso, ma da quì ad accusarci di complotti o pubblicazioni a telecomando ci lascia perplessi e, ci scusi, indifferenti. Abbiamo pubblicato migliaia di dichiarazioni di esponenti di destra, sinistra, centro, estrema sinistra e estrema destra, anche quando queste dichiarazioni sono state completamente opposte al nostro pensiero.

Abbiamo anche pubblicato sue dichiarazioni, infervorate, esternate dal palco di piazza Garibaldi. Siamo stati suoi complici? Nello stesso tempo abbiamo sempre garantito il diritto di replica a chiunque, proprio perchè non siamo telecomandati da nessuno.

Rimaniamo liberi e indipendenti e a sua disposizione per eventuali repliche, anche se ha già deciso di presentare querela.

- Pubblicità a pagamento -