Sinistra Italiana e Verdi: l’Amministrazione incentivi i comsumi a costo zero

185
Alcuni rappresentati del circolo Sinistra Italiana e il segretario Corrado Fioretti
- Pubblicità a pagamento -

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa di Sinistra Italiana – Circolo di Rosolini e Verdi. Nella nota i du gruppi invitano l’amministrazione a incentivare i consumi zero con il nuovo ecosistema urbano 2019.

Pubblicità a Pagamento

Il testo:

“Se ad oggi la problematica mondiale del cambiamento climatico scuote le coscienze di ognuno di noi, cambiare la qualità dell’aria si può, basta iniziare dalle scuole ad esempio, luogo di aggregazione, formazione ed educazione per tutte le future generazioni.

Invitiamo l’amministrazione comunale ad informarsi in tal senso, non tralasciando opportunità legate ai fondi regionali per l’efficienze energetica.

Basti pensare agli esempi delle città settentrionali della penisola come Varese e Bolzano, dove nascono le prima scuole a consumo zero.

A Varese la “Silvio Pellico” viene definita “prima scuola a consumo zero”. Dopo lavori del costo di 2,3 milioni di euro per i quali il Comune ha ottenuto un finanziamento dal Fondo regionale per l’efficienza energetica, il complesso è migliorato dal punto vista statico, sismico, acustico ed energetico (210 i pannelli fotovoltaici installati).

Bolzano può invece garantire il certificato antincendio e di agibilità (compresa quella igienico-sanitaria) per tutti gli istituti scolastici, accessibili e dotati di porte antipanico e di impianti elettrici a norma.

Il tema centrale riguarda la raccolta differenziata dove ad esempio a Treviso, seconda città in Italia con un tasso di separazione dell’immondizia dell’85,1%, la tassa rifiuti pesa 185 euro a famiglia contro i 304 euro di media nazionale. 

Virtuosa anche Verona con un catasto online del verde pubblico pari a un censimento metro per metro, georeferenziato e fotografato”.

 

- Pubblicità a pagamento -