“Dicono menzogne per fare terrorismo psicologico”, Piazza Civica contro Giovanni Spadola e Tino Di Rosolini

1758
Il segretario di "Piazza Civica", Corrado Latino
- Pubblicità a pagamento -

“Ancora una volta ci corre l’obbligo di intervenire con un comunicato stampa per frenare la campagna di disinformazione portata avanti dal consigliere comunale Giovanni Spadola, che lungi dall’agire per il bene di Rosolini preferisce fare del puro e semplice terrorismo psicologico, dando notizie false alla cittadinanza”.

Pubblicità a Pagamento

A parlare è il segretario di “Piazza Civica” Corrado Latino che intende fare “chiarezza una volta per tutte” rispondendo ai continui comunicati esternati dai consiglieri comunali Giovanni Spatola e Tino Di Rosolini relativi all’appalto dei rifiuti e alla riorganizzazione dei settori comunali. Per “Piazza Civica” si tratterebbero di comunicati di “disinformazione” che non fanno il “bene della città” in quanto “pieni di menzogne”.

“L’ultimo episodio -afferma Latino per il gruppo di Piazza Civica-, riguarda il nuovo appalto per la gestione dei rifiuti in città, per il quale secondo il consigliere Spadola, l’amministrazione ha –citiamo testualmente- “inserito qualcosa come trecentomila euro un più sulla gestione”. L’approssimazione nella cifra comunicata nella sua nota stampa dimostra come il consigliere tenda ad informarsi in maniera superficiale sulle questioni amministrative; cosa ancora più grave, Spadola porta avanti la propria azione politica di opposizione con altrettanta superficialità, creando un danno non solo a tutta l’opposizione di cui fa parte, ma anche a tutta la città. In realtà sarebbe bastato al consigliere Spadola, per evitare di promuovere un dato falso e scongiurare l’inevitabile perdita di credibilità che ne deriva, andare ad informarsi presso l’ufficio comunale che ha seguito tutto il procedimento e, armato di calcolatrice, fare un semplice calcolo per rendersi conto che il nuovo appalto affidato alla “IGM Rifiuti Industriali” di Siracusa, che tra le altre cose è affidataria del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani nel limitrofo Comune di Modica, non comporterà un aumento della spesa per il Comune e quindi per i cittadini, ma anzi prevede una contrazione dei costi; dal momento che Spadola non ha ritenuto necessario informarsi in tal senso prima di sparare a zero sull’operato dell’amministrazione, ci sentiamo noi in obbligo di fare luce sui nuovi costi di gestione, lasciando che siano i numeri a parlare: la spesa per un semestre, che prima ammontava a 773.640,78 (oltre iva), adesso passa a 737.886,87 (oltre iva), con un risparmio di € 35.753,91Leggendo poi il Capitolato speciale d’appalto, il consigliere Spadola avrebbe anche potuto rendersi conto che la nuova ditta, oltre a fare risparmiare alle casse comunali e quindi ai cittadini la somma di oltre 35 mila euro a semestre, offrirà molti più servizi oltre alla raccolta domiciliare dei rifiuti, come:

  • spazzamento e diserbo/scerbamento delle strade, piazze ed aree pubbliche, giardini pubblici, aree di pertinenza delle strutture scolastiche, cimitero comunale, ecc.;
  • pulizia delle strade comunali ed aree pubbliche, compresi i marciapiedi, da eventuali depositi di terra, fango e pietrisco immediatamente dopo eventi meteorologici;
  • svuotamento dei cestini gettacarte, installati nelle strade, piazze, giardini pubblici e in genere, ogni altra area pubblica o di uso pubblico;
  • lavaggio ad alta pressione delle strade, delle piazze, dei marciapiedi e delle aree pubbliche, comprese quelle utilizzate per lo svolgimento delle attività mercatali (rionali, settimanali e/o mensili);
  • lavaggio ad alta pressione (interno ed esterno), disinfezione e manutenzione di cassonetti, contenitori vari (escluso quelli dati in uso ai privati) ed attrezzature a servizio della raccolta;
  • raccolta delle siringhe abbandonate e delle carogne animali ritrovate su suolo pubblico e relativo trasporto a destinazione autorizzata.

Tutti questi servizi, inclusi nel capitolato d’appalto, saranno garantiti dalla ditta con un risparmio – ci preme ribadirlo – di quasi 36 mila euro rispetto alla precedente gestione. Sarebbe stato facile per il consigliere Spadola andare a leggere il Capitolato d’appalto e dare ai cittadini le informazioni corrette, evitando di fare terrorismo psicologico millantando un aumento della Tari del 20%, ma evidentemente non è sua intenzione portare avanti un’azione politica corretta e pulita. Al di là della cattiva informazione con cui alcuni soggetti pensano di danneggiare l’amministrazione comunale, noi di Piazza Civica siamo soddisfatti di come è stata gestita non solo la questione del nuovo appalto per la gestione dei rifiuti, ma anche quella relativa al nuovo organigramma dei servizi e dei dipendenti comunali, con una riorganizzazione dei dirigenti e dei settori che noi riteniamo fondamentale per fare ripartire la macchina amministrativa e dare a Rosolini quelle opportunità di crescita economica e sociale che merita”.

Latino poi si scaglia contro il consigliere comunale Tino Di Rosolini per alcune dichiarazioni che sarebbero apparse in questi giorni in altri organi di stampa.

“La fiducia che noi avevamo riposto nell’amministrazione comunale -aggiunge Latino-, è stata dunque ampiamente ripagata, e a questo proposito ci teniamo anche a dare una risposta al consigliere di opposizione Tino Di Rosolini, che come il suo collega Spadola non risparmia le menzogne ai cittadini. Di Rosolini infatti afferma che il sindaco ha preso le decisioni riguardo alla riorganizzazione dei settori comunali “in maniera antidemocratica, non informando nessuno”. Ebbene, ancora una volta siamo costretti a smentire queste falsità: l’intera squadra amministrativa era stata infatti informata sulle modalità e sui principi cardine della manovra che sono stati condivisi da tutta la maggioranza; all’interno di questa amministrazione comunale non ci sono personaggi autoritari, ma come promesso in campagna elettorale si cerca quanto più possibile di condividere ogni singolo passaggio cruciale. Ci teniamo inoltre a ribadire che a noi non interessano i nomi scelti ma solo il principio con cui vengono selezionati, che si basa su un rapporto fiduciario necessario per legare la macchina amministrativa all’organo politico”.

Ed infine: “Concludiamo quindi con una preghiera ai consiglieri comunali Spadola e Di Rosolini: prima di parlare informatevi, andate a leggere dati, numeri e motivazioni dietro le scelte dell’amministrazione, dal momento che è tutto svolto nella più totale trasparenza. Solo in questo modo riuscirete a dare agli elettori le informazioni corrette e dettagliate che meritano, senza fare terrorismo psicologico che può solo danneggiare la nostra città. E solo in questo modo eviterete di perdere di credibilità agli occhi dei nostri concittadini”.

Allegato: Verbale di Gara – Procedura negoziata

- Pubblicità a pagamento -