- Pubblicità -

Conoscere a quale biotipo nutrizionale si appartiene è importante per capire a quali rischi per la salute andiamo incontro, in quanto dalla distribuzione del tessuto adiposo dipende la nostra conformazione corporea.

- Pubblicità -

Si distinguono 2 tipi di obesità:

  • obesità androide, detta anche viscerale o “a mela”, si associa a una maggiore distribuzione del grasso nella regione addominale;
  • obesità ginoide, detta anche periferica o “a pera”, si caratterizza per una distribuzione delle masse adipose nella parte inferiore (fianchi e glutei).

Per capire a quale biotipo si appartiene, basta misurare il rapporto tra la circonferenza vita a livello ombelicale e la circonferenza fianchi a livello dei glutei; questo rapporto è chiamato WHR.

WHR > 0.85 obesità androide

WHR<0.79 obesità ginoide

L’obesità androide è frequentemente associata a diabete tipo 2, dislipidemie e ipertensione; patologie che se si presentano tutte insieme vengono indicate con il nome di “Sindrome Metabolica”, aumentando notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari. Gli adipociti viscerali tipici del somatotipo androide, migrano più velocemente nel flusso ematico con conseguenze negative per l’organismo (ictus, ischemia, ecc).

La diminuzione della massa grassa è fondamentale per migliorare la propria saluta. Un’alimentazione equilibrata può aiutare a ridurre non solo il peso, quindi, ma anche i problemi cardiovascolari.

Dott.ssa Graziana Fava

Dott.ssa Graziana Fava
BIOLOGO NUTRIZIONISTA
351 917 46 46
graziana.fava@biologo.onb.it

- Pubblicità -