Randagismo: Spadola ringrazia l’Ass. Cuore Randagio; “Dove sono i progetti del Sindaco?”

452
Nella foto: il consigliere Giovanni Spadola con le volontarie dell'Associazione "Cuore Randagio"
- Pubblicità a pagamento -
Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dal consigliere comunale di opposizione Giovanni Spadola sul tema del randagismo.
“Una città che non presenta progetti a beneficio della comunità è una città che non ha futuro e l’emergenza randagismo rimane un problema atavico di Rosolini”.
A denunciarlo è il consigliere di ‘Giovani Rosolinesi’, Giovanni Spadola.
“Un Ente come il Comune di Rosolini senza risorse – dice Spadola – dovrebbe sfornare progetti a ruota libera, chiedere finanziamenti regionali ed europei per migliorare la vivibilità della città. E spontaneo domandarsi, ma cosa ha fatto questa amministrazione in questi 19 mesi di governo? Diciamo nulla, e questo sindaco, continua a navigare a vista”.
Sulla questione del canile municipale che non esiste, il leader di ‘Giovani Rosolinesi’ aggiunge: “È quantomeno doveroso dire grazie all’Associazione ‘ Cuore randagio’ per quello che fanno per il randagismo. Tolgono i cani dalle strade, li curano, gli danno da mangiare e poi cercano di affidarli a chi ama gli animali. Ma tutto questo ha dei costi rilevanti e l’associazione fa tutto questo con le risorse personali, piccole donazioni di cittadini e con iniziative come quella dello scorso Natale, dove attraverso un sorteggio, sono riusciti a ricavare qualche euro per proseguire nella loro attività di volontariato. L’amministrazione di Rosolini no ha mai dato un solo centesimo a ‘Cuore randagio’. Realizzare il canile municipale significa anche garantire posti di lavoro e soprattutto offrire sicurezza ai cittadini, soprattutto ai bambini che rischiano di essere aggrediti dai randagi. Non c’è dubbio che sindaco ed amministrazione dormono e lo ripeto all’infinito che senza progetti non si va avanti”.
Meritano di essere citati per la loro straordinaria opera di volontariato la direttrice di ‘Cuore randagio’, Emerenziana Cassola, Salvatore Cannata ( vice direttore) ed i volontari, Giuseppina Cannata, Damiano Alescio, Antonino Azzaro, Lusy Gentilini, Angelo Scifo, Mariacarmela Avola, Mariagrazia Cataudella ed Elena Trombatore.
- Pubblicità a pagamento -