Terremoto nel Rosolini, il presidente Errante furioso: “Mandato via Sami Elamraoui”

1318
Sami Elamraoui
- Pubblicità -

Terremoto nel Città di Rosolini dopo l’ennesima prestazione incolore della squadra nel campionato di Eccellenza. Il 3 a 0 di domenica scorsa con il quale la matricola Jonica ha espugnato il “Salvatore Consales” sarebbe stata la goccia che ha fatto traboccare il classico vaso facendo infuriare oltre misura il presidente granata Piero Errante che avrebbe preso delle decisioni drastiche individuato “i colpevoli”  in alcuni giocatori che “dimostrano lo scarso attaccamento alla maglia”.

Il presidente del Città di Rosolini, Piero Errante
- Pubblicità -

Primo a farne le spese è stato Sami Elamraoui che da stamattina non è più un giocatore granata.  “E’ un giocatore che ha qualità atletiche e tecniche che nessuno gli nega -dice Errante-, ed è per questo che da lui mi aspettavo un impegno maggiore. Avrebbe dovuto fare la differenza, ma così non è stato. Per questo, nonostante sia stato già pagato fino a dicembre, ho voluto dare questo segnale a tutta la squadra prendendo questa decisione”.

Elamraoui, infatti, secondo quando annuncia Errante non sarà l’unico che andrà via. Il “Presidente fuorioso” nel vedere una squadra lenta e impacciata in campo annuncia. “Non mando via altri giocatori solo perchè non potevo lasciare l’allenatore senza altri 3-4 elementi fino a dicembre. Ma lal piega che si è presa non mi piace. Se i giocatori non hanno ben compreso il messaggio che ho voluto dare con Sami, possono già andare a casa oggi stesso. Io non li tratterrò. Non ho soldi da spendere per gente che non mette cuore e anima in campo”.

Quando i risultati non arrivano, ad arrivare sono decisioni dure. Di solito a farne le spese è sempre l’allenatore, in questo caso imputati sono i giocatori, segno della grossa fiducia che la dirigenza nutre per mister Orazio Trombatore. La dirigenza ha già in lista alcuni rimpiazzi alcuni dei quali potrebbero essere ufficializzati già nei prossimi giorni.

- Pubblicità -